In occasione della Settimana nazionale dedicata al mal di testa, nella giornata del 27 maggio, Fondazione Onda ETS, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere promuove la seconda edizione dell’(H) Open Day dedicato all’emicrania con l’obiettivo di sensibilizzare la popolazione sull’importanza di un riconoscimento precoce dei sintomi, e un accesso dunque tempestivo ai percorsi specifici di diagnosi e cura per una migliore qualità della vita dei pazienti.

ASST Garda, appartenente al Network Bollini Rosa, in occasione della Giornata contro l’emicrania del 27 maggio, ha deciso di offrire delle visite gratuite della durata di circa 30 minuti per le donne dai 16 anni in su.

Le visite si svolgeranno nell’ambulatorio neurologico del Servizio di Neurologia al 5 piano dell’Ospedale di Desenzano del Garda a partire dalle 08.45. La Prenotazione è obbligatoria da lunedì 20 maggio a mercoledì 22 maggio fino ad esaurimento posti alla mail: giornatadonna.desenzano@asst-garda.it

“L'emicrania è una patologia cronica che colpisce dal 12 al 15% della popolazione generale ma è più frequente nelle donne che negli uomini, con attacchi che si verificano fino al 17% delle donne e al 6% degli uomini ogni anno – commenta Roberta Chiesa, Direttore Generale di ASST Garda. Molti studi epidemiologici hanno documentato la sua elevata prevalenza e l’impatto socio-economico e personale”.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, rappresenta la terza malattia più frequente al mondo e la seconda più disabilitante, comportando dunque un altissimo costo umano, sociale ed economico. Inoltre, l’emicrania è ancora percepita da chi ne soffre come invisibile”.

“L'emicrania è una sindrome neurologica complessa, multifattoriale, il cui elemento centrale è un forte mal di testa generalmente, ma non sempre, unilaterale e pulsante che può essere accompagnato da nausea, vomito, fotofobia o fonofobia – ci spiega il Dott. Massimo Biacca, responsabile del Servizio di Neurologia di ASST Garda -. La comparsa dell’Emicrania può essere favorita da fattori ormonali, ambientali, predisposizione genetica o patologie sistemiche e può manifestarsi da sola o essere preceduta da un insieme di sintomi visivi o sensitivi chiamati Aura emicranica”.