"Ad oggi le opere al fine di ottenere il CPI sono praticamente terminate ed il tecnico incaricato del Comune sta predisponendo la documentazione al fine della presentazione della Scia. Ottenuto il CPI si provvederà a richiedere il dissequestro della struttura per permettere la fruibilità dell’impianto alle squadre e agli amatori".

La notizia è stata diffusa direttamente dal sindaco di Montichiari Marco Togni, intervenuto per fare il punto della situazione sulla riapertura del Velodromo dopo il sequestro del 2018, il quale secondo quanto emerso nell'ultimo incontro in Prefettura dovrebbe tornare ad ospitare l'attività entro l'estate.

Come inoltre specificato dal primo cittadino, questa è la lista degli interventi messi in campo per la riapertura della struttura "in quanto necessari a renderela adeguata alla sopravvenuta normativa":

- adeguamento impianto rilevazione incendi esistente con implementazione nuovo sistema di rilevamento da porre sotto la cupola del tetto;

- adeguamento anello antincendio;

- miglioramento sismico della struttura;

- installazione di sistema di monitoraggio della deformazione della struttura di copertura della struttura;

- installazione di nuove balaustre a bordo pista per tutela degli atleti e per contenere la spinta del pubblico in caso di emergenza;

- risanamento di tutte le strutture danneggiate dalle infiltrazioni dell’acqua avvenute sino al 2018;

- sostituzione di tutti i corpi illuminanti con nuovi a LED;

- adeguamento impianti degli elettrici e di riscaldamento.