Da sabato 2 a domenica 31 luglio, sulle sponde del Benaco, torna il Garda Lake Music Festival, per una X edizione caratterizzata da un grande rinnovamento logistico ed organizzativo, mentre rimane costante l’eccezionale qualità degli artisti coinvolti.

Luca Ranieri, direttore artistico del festival, commenta: “Sono felice e orgoglioso di annunciare la X edizione del Garda Lake Music Festival, che si rinnova nell’organizzazione e nello staff. Da quest’anno l’Associazione Amici della Musica di Desenzano diventa partner del festival, mentre l’Istituto dei Rogazionisti di Desenzano, che ringrazio, diventa la sede dei nostri corsi. L’evento continua a poggiarsi sulla partecipazione di straordinari artisti, con graditissimi ritorni ed alcune new entry, come i violinisti Pavel Berman, Eva Bindere e il Premio Paganini 2021 Giuseppe Gibboni che, dopo tanti anni vissuti da studente, per la prima volta arriva a Desenzano in veste di docente. Un Festival che, arrivato alla sua decima edizione, mette a frutto l’esperienza del passato, ma è sempre più aperto ai giovani ed al futuro della musica”.

Stellare la lista dei musicisti presenti al Festival: Pavel Berman, Eva Bindere e Giuseppe Gibboni, Lukas Hagen, Marco Rizzi, Alessandro Milani (violino), Danilo Rossi e Luca Ranieri (viola), Enrico Dindo ed Asier Polo (violoncello), Fabien Thouand (oboe), Luca Milani (clarinetto), Davide Lattuada (clarinetto basso), Andrea Cellacchi (fagotto), Luisa Prandina (arpa), Avos Project (musica da camera). Le masterclass si svolgeranno a Desenzano in una nuova sede, che già promette di diventare un luogo simbolo di questa manifestazione: l’Istituto dei Rogazionisti, edificio di sapore veneziano direttamente affacciato sul lago, un luogo ideale per iniziative culturali. Oltre ai corsi strumentali il Garda Lake ospita per la prima volta un seminario a cavallo tra musica e psicologia, dedicato alla gestione dell’ansia da prestazione in concerti o concorsi. Il seminario, dal titolo “L’ora di cervello”, a cura della musicista e psicologa Silvia Bontempi, sarà accessibile sia ai partecipanti del festival che a tutti gli esterni interessati.

Il calendario dei concerti si articola su più sedi, comprese nei comuni di Desenzano, Padenghe e Sirmione, e alterna sul palcoscenico artisti affermati a promettenti talenti musicali. Ad aprire l’evento, martedì 5 luglio alle ore 21.00, nel Castello di Desenzano, il violinista Giuseppe Gibboni che con l’Orchestra “I Cameristi” interpreterà musiche di Mozart, Wieniawski, Paganini e Mendelssohn. Sempre nella stessa sede, alle ore 21.00 di venerdì 8 luglio sarà la volta dei solisti Alessandro Milani (violino) e Luca Ranieri (viola) con l’Orchestra “I Pomeriggi Musicali” di Milano. Mercoledì 14 luglio alle ore 21.30 la Spiaggia delle Muse di Sirmione ospiterà uno speciale concerto che vede esibirsi docenti e studenti delle masterclass, per un’esperienza artistica e pedagogica di grande valore reciproco. Marco Rizzi, Mirei Yamada e Alessandro Milani, Danilo Rossi, Asier Polo e Mario Montore, insieme ai loro migliori allievi, daranno vita all’Ottetto per archi di Mendelssohn ed al Quintetto con pianoforte di Robert Schumann. Nello stesso luogo, la sera successiva si terrà un evento speciale, che si preannuncia travolgente: Danilo Rossi & New Gipsy Project, un concerto in cui la tradizione musicale gitana si fonde con il repertorio classico. Protagonisti, Danilo Rossi, musicista di grande carisma ed ex prima viola del Teatro alla Scala, e il gruppo New Gipsy Project, formato da Albert Florian Mihai alla fisarmonica, Marian Serban al cymbalom, Nicolae Petre al contrabbasso e Vasile Stingaciu al violino. Sabato 17 luglio alle ore 21.00 si ritorna al Castello di Desenzano per un concerto cameristico, con il trio composto da Luca Milani al clarinetto, Luca Ranieri alla viola e Roberto Arosio al pianoforte; in programma musiche di Mozart, Schumann e Bruch. Martedì 26 luglio il Garda Lake Music Festival ospiterà l’evento “Federico Colli & Friends”, che vedrà esibirsi, su musiche di Mozart, il pianista Federico Colli, insieme ad altre “stelle” del firmamento musicale odierno: Francesca Dego (violino), Timothy Ridout (viola) e Laura van der Heijden (violoncello). Il cartellone del Festival si chiude sabato 30 luglio alle ore 21.30 nella Chiesa di San Pietro in Mavino di Sirmione, dove il violoncellista Enrico Dindo e la pianista Maria Semeraro interpreteranno brani di Beethoven e Schostakovich. A questi eventi saranno alternati, per la rassegna Giovani Talenti 2022, i concerti conclusivi dei corsi, che si svolgeranno al Castello di Padenghe, nel Museo Rambotti di Desenzano e nella Chiesa di Sant’Orsola in Rovizza. Sono infine da menzionare due eventi speciali: domenica 10 luglio alle ore 21.30, alla Cascina “Corte Anna” di Sirmione si terrà la presentazione del libro “In cima alla Scala”, in cui interverranno Danilo Rossi ed Oreste Bossini. Lunedì 11 luglio alle ore 21.00, nel Museo Rambotti, si terrà invece il Concerto Premiazione della Borsa di Studio “Beatrice Milani”, destinata ai giovani violinisti che partecipano al Festival e messa a disposizione, in ricordo della figlia, da Alessandro Milani, primo violino solista dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI, nonché docente delle masterclass.

Per maggiori informazioni e prenotazioni: www.gardalakemusicfestival.com