In attesa dei nuovi aggiornamenti previsti intorno alla metà del mese di giugno, si moltiplicano le richieste di riapertura della Strada della Forra a Tremosine, chiusa ormai da diversi mesi a seguito della frana avvenuta lo scorso 16 dicembre, la quale ha provocato conseguenze dirette sul tratto e sulla relativa sicurezza da un punto di vista strutturale.

Negli ultimi giorni è stata infatti lanciata una petizione tramite la piattaforma Change.org dall'Associazione Strada della Forra Onlus, giunta al momento intoro alle 13mila firme, in cui si chiede di velocizzare l'iter relativo alla riapertura.

"Non si intravedono soluzioni rapide. Sembra che alle istituzioni non interessi molto giungere rapidamente ad una soluzione di apertura anche con sistemi moderni di monitoraggio o di divieto al transito di veicoli in caso di imminente pericolo. Raccogliamo firme per velocizzare l'iter per l'apertura" come si legge all'interno della petizione.

Ricordiamo che la Provincia di Brescia aveva così specificato in merito alla situazione di instabilità venutasi a generare: "Gli studi di geologia e ingegneria incaricati hanno ribadito che permane la condizione di pericolo e di elevato rischio, e hanno posto l’attenzione sul fatto che le frane di roccia, contrariamente alle frane di terreno, non danno segnali di allarme".