"Il venir meno della fiducia nei confronti del vicesindaco e assessore al Turismo, Cultura e Urbanistica mi porta a ritirare le deleghe a lui affidate".

Questa la telegrafica comunicazione diffusa dal sindaco Luisa Lavelli per annunciare la rimozione di Mauro Carrozza dagli incarichi assunti all'interno della Giunta comunale di Sirmione, a pochi mesi dalla tornata elettorale del prossimo giugno che vedrà il primo cittadino uscente ricandidarsi alla guida della città con il supporto di una lista civica, e non più quindi con la coalizione di centrodestra.

Lo stesso Carrozza ha in seguito diffuso a sua volta una nota in risposta alla decisione del sindaco Lavelli, discutendo in particolare le modalità con cui è stata comunicata la decisione: "Non sono in possesso di alcuna comunicazione ufficiale in proposito - scrive l'ex vicesindaco -. Spiace rilevare che un atto amministrativo sia consegnato prima alla stampa che all’interessato. Per esprimere un giudizio attendo il provvedimento e le motivazioni, dovute a me e soprattutto ai cittadini. Come tutti rilevo la coincidenza tra questo atto del sindaco e la notizia della sua ricandidatura ufficiale. Possiamo pensare che per la sindaca siano prioritarie le questioni elettorali e personali rispetto alla continuità delle attività amministrative in corso e quindi alle esigenze della comunità sirmionese che rappresentiamo?».

Come annunciato, per i restanti mesi di lavoro dell'attuale Amministrazione il ruolo di assessore a Turismo e Cultura verrà assegnato a Miria Bocchio, in aggiunta alle deleghe a Istruzione e Pari opportunità già in essere, mentre non si consce ancora a chi verrà affidato il ruolo di vicesindaco.

Resta ora da capire dunque quale sarà il candidato sindaco scelto dal centrodestra, che andrà a concorrere con Lavelli (appunto), Marcello Bertoldi (SìAmo Sirmione) e Maurizio Ferrari (Ferrari Sindaco).