Tutto pronto per domenica 25 giugno, quando, come tradizione vuole, al decimo rintocco della Renga, la campana della torre Apponale, partirà “Pam, bondola e vim”.

Si tratta di una festa con distribuzione gratuita di panini imbottiti, vino e bevande, che si tiene in piazza Tre Novembre sotto i portici del municipio, circa dalle 10 fino all'esaurimento delle scorte (che di norma avviene verso le 17.30-18). Protagonista della festa, un super insaccato di 12 quintali che arriva in largo Medaglie d'Oro verso le 9, per essere trasportato, con la scorta dei vigili del fuoco e l'accompagnamento musicale del Corpo bandistico cittadino, fino ai portici del municipio. Qui i volontari dell'associazione Bacionela Club si danno da fare per trasformare l'insaccato in circa 20mila panini, che vengono quindi distribuiti gratuitamente assieme vino e bevande.

La festa, che da oltre otto lustri costituisce uno dei più singolari appuntamenti estivi della città, è organizzata dal Bacionela Club con il sostegno del Comune di Riva del Garda. L'idea di una festa da ripetere annualmente e da iscrivere nel calendario delle manifestazioni cittadine, che al divertimento unisse il sostegno ad enti e associazioni che si danno da fare per i poveri e per chi è in difficoltà (il ricavato della festa è sempre devoluto per questo fine), risale al 1980 ed è attribuita a Germano Alberti, noto pittore rivano. Una proposta subito raccolta dal gruppo di amici della Riva “vecchia”, che allo scopo fondò il Bacionela Club, il cui nome indica il contenitore di legno dalla particolare forma arrotondata che un tempo serviva per raccogliere il vino dalla tinozza per versarlo, in occasione della travasatura, da una botte all'altra. Fondatori, oltre a Germano Alberti, furono Gianfranco Benatti, Arnaldo Bresciani, Luciano Ferraglia, Aurelio Bresciani, Luigi Leoni, Enzo Santoni e Gigi Zanolli.