Trascorsa una settimana dal malore accusato nelle acque del Garda, è stato ritrovato questo pomeriggio il corpo senza vita di Alessandro Redaelli, 41enne scomparso a Rivoltella la scorsa domenica.

In gita sul lago con moglie e figli, l'uomo aveva soccorso in acqua il primogenito in difficoltà, ma un malore non gli aveva consentito di tornare a bordo dell'imbarcazione noleggiata poche ore prima, senza più riemergere di fronte alla famiglia.

Impegnati nelle ricerche i sommozzatori, un elicottero e due imbarcazioni della Guardia Costiera, oltre al lavoro svolto in settimana da Vigili del fuoco, Protezione civile e Volontari del Garda, i quali hanno per la prima volta impiegato il ROV, ovvero il robot per la ricerca subacquee donato loro da parenti e amici di Greta e Umberto in seguito all'incidente nautico di Salò.