Con l'arrivo nelle ultime ore del tipico freddo clima autunnale, si torna a parlare del "Decreto riscaldamento" e della relativa gestione degli impianti presso le abitazioni, che ha visto alcune novità in vista del 2022.

Con gli impianti di riscaldamento tornati ad accendersi nella maggior parte dei comuni tra il 2 e il 3 novembre, vediamo le novità di quest'anno in merito sia ai nuovi limiti temporali di utilizzo degli impianti termici, sia alla riduzione della temperatura rispetto al recente passato.

Infatti, la stagione invernale è stata accorciata di 15 giorni, posticipando di 8 giorni la data di accensione dei caloriferi e anticipando di 7 la data di chiusura. Inoltre, è stata decisa un’ora in meno di riscaldamento al giorno e un grado in meno rispetto ai valori massimi della temperatura di casa, da 20 a 19, per un massimo di 13 ore giornaliere. Viene comunque lasciata una certa libertà decisionale ai singoli Comuni, che potranno scegliere se attuare modifiche o meno in base alle condizioni climatiche.

11 consigli per il risparmio sulla bolletta del gas

Visto e considerato l'aumento del prezzo del gas e le relative ricadute sulla bolletta di casa, ecco alcuni utili consigli per risparmiare in relazione al riscaldamento di casa:

  • Fare un check up della propria casa e riscaldare soltanto gli ambienti abitati;
  • Impostare una temperatura di casa fissa sui 19° e ridurla di notte
  • Preferire caldaie a condensazione;
  • Effettuare una regolare manutenzione della caldaia;
  • Verificare l’efficienza dei radiatori;
  • Utilizzare le valvole termostatiche;
  • Contenere le dispersioni di calore con strumenti isolanti;
  • Scegliere i tempi giusti per cambiare aria (15 minuti al mattino);
  • Affidarsi ai pavimenti riscaldanti;
  • Individuare forma di riscaldamento alternativo (camino, pannelli fotovoltaici, pompe di calore, solare termico);
  • Confrontare le tariffe e scegliere il piano tariffario più adeguato.