L'avventura di "Hyak" riprende dopo lo stop forzato causato dalla Pandemia. Il progetto vede coniugare lo sport e la velaterapia.
Nei giorni scorsi è salpato nuovamente dalle rive del Garda, grazie alla collaborazione con la Polisportiva di San Felice del Benaco e il Vela Club di Manerba, presenti i pazienti dei Reparti di Psichiatria dell'Asst del Garda, sotto la direzione del capo Dipartimento dottor Gian Luigi Nobili.

Come nasce "Hyak"
Nel 1997 gli operatori del Centro Psico-Sociale Alto Garda dell’Azienda Ospedaliera di Desenzano , con la collaborazione prima del Circolo Vela Gargnano (durante il convegno Navigando nel Grande Mare della Solidarietà), la Canottieri Garda di Salò, il Circolo Vela Toscolano Maderno, il Circolo Nautico Portese, la Fraglia Desenzano, oggi con la Polisportiva San Felice (e il Vela Club Manerba) con l'Istruttore Giacomo Martinelli e il presidente Angelino Capello.
A sviluppare questa forma di riabilitazione sono stati nel tempo il Dottor Gigi Nobili, responsabile dei reparti degli Ospedali di Gavardo e Salò, oggi capo Dipartimento di Salute Mentale per la Asst di Desenzano del Garda.

Le imbarcazioni del progetto sono un "Carrera 38" (10 metri di lunghezza), avuto in dono da una famiglia del lago di Como, più un Piviere, cabinato di 5 metri, che i pazienti del Cps di Salò hanno restaurato durante un corso dedicato alla manutenzione delle imbarcazioni.
Il Piviere oggi ricoverato in un capannone dovrebbe tornare a nuova vita grazie ad un progetto che vedrà coinvolte varie realtà, come un'associazione di categoria (Artigiani del legno), la Zona Gardesana della Federazione Italiana Vela.
Nel frattempo l'imbarcazione Carrera 38 Hyak ha partecipato al circuito delle veleggiate compresa la presenza alla 71° edizione della "Centomiglia", nella versione Cento People fino al Trofeo Veleggiata dell'Odio.

La Vela ed i pazienti psichiatrici
La convinzione è che la vela sia un mezzo di trasporto estremamente particolare e affascinante.
Da qui l’idea di provare a valutare come pazienti psichiatrici gravi si adattassero ad una situazione che richiedeva la messa in atto di comportamenti antitetici alla loro patologia.
Questo tipo di pazienti soffre di sintomi quali: impoverimento ideo-affettivo, autismo, deliri, allucinazioni uditive e visive, profonda diffidenza nei confronti del prossimo: tutte situazioni che portano, con l’andare del tempo, ad abbandonare qualsiasi progetto esistenziale.

L’isolamento sociale che ne deriva mina oltremodo la qualità della vita di chi già porta in sé una grande sofferenza.
Sottolineando l’esigenza di stimolare l’adattamento sociale, si è pensato di proporre ad alcuni pazienti un’esperienza particolare, il navigare in barca a vela, in cui la collaborazione reciproca e la fiducia nell’altro rappresentano i presupposti per il raggiungimento di una relazione e di un obiettivo comune.
La barca a vela è tutte queste cose (e molto di più), richiede collaborazione reciproca, fiducia, rispetto dei ruoli e dei tempi nel compiere le manovre; il tutto in una cornice naturale come il lago di Garda.