Durante i controlli predisposti dai carabinieri sul territorio di Peschiera e Castelnuovo del Garda in occasione del ponte del 25-28 aprile, intensificati presso le aree principali per far fronte all'aumento di presenze dato dall'affluenza turistica, è scattato l'arresto per quattro persone identificate durante i suddetti controlli.

I militari hanno infatti arrestato un giovane 20enne di nazionalità russa su cui pendeva un mandato di arresto europeo per traffico di stupefacenti, il quale risiedeva presso una struttura turistica del territorio, così come un 39enne albanese ricercato in quanto condannato a due anni di reclusione in seguito al reato di evasione fiscale risalente al periodo compreso tra il 2014 e il 2015, quando viveva a Bergamo.

A questi si aggiunge anche un 65enne bresciano trovato a piede libero nonostante fosse soggetto agli arresti domiciliari, in quanto era stato condannato dopo una rapina aggravata messa in atto all'interno di una farmacia di Peschiera. Tutti e tre sono stati infatti arrestati e condotti presso i carceri di Verona Montorio e Canton Mombello a Brescia.

Infine, è stato arrestato in flagranza di reato, per poi essere soggetto a processo per direttissima, un 34 enne di origine ghanese con l'accusa di minaccia, resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale nei confronti dei militari intervenuti a seguito di una segnalazione presso un locale di Castelnuovo, dove l'uomo (sotto effetto dell'alcol) aveva minacciato il gestore e i presenti.