Sono state annunciate nuove perturbazioni in arrivo sul bacino benacense nelle ultime ore dagli esperti meteorologi, in particolare a causa del passaggio del ciclone "Circe" che investirà l'intero Paese con importanti fronti temporaleschi carichi di vento e precipitazioni, oltre ad un abbassamento repentino delle temperature fino a 10 gradi.

A far alzare la soglia dell'attenzione anche le comunicazioni diffuse dalla Protezione Civile, che ha diramato in Lombardia l'allerta arancione già a partire dalla serata di oggi, giovedì 3 agosto, quando è previsto "un aumento dell'instabilità sul territorio regionale, in particolare sulle zone prealpine occidentali e centrali, con rovesci o temporali (anche localmente di forte intensità) in transito verso Nord-Est, in possibile estensione anche sulle zone di alta pianura".

Una condizione di maltempo che dovrebbe perdurare anche in vista della giornata di domani, venerdì 4 agosto, quando già in mattinata "si avrà la maggior probabilità di temporali forti ed organizzati sulla Regione, anche a carattere di supercella. I fenomeni più intensi sono attesi in mattinata sulle zone prealpine e sui settori alpini
centrali ed occidentali, in estensione e diffusione sull’Appennino, sulle pianure meridionali e centrali. Saranno possibili in queste fasi eventi di grandine medio-grande, raffiche intense di vento e precipitazioni localmente forti. Tra il pomeriggio e la sera saranno possibili nuovi temporali sulle pianure occidentali, con i fenomeni in progressiva attenuazione dalla serata".