In occasione della festa dei Santi Patroni è andata in scena la 18esima edizione del concorso dedicato alla poesia in dialetto bresciano Premio di poesia SS. Faustino e Giovita 2024, promossa dalla Fondazione Civiltà Bresciana Clotilde Castelli, con la consegna dei premi svoltasi ieri, giovedì 15 febbraio alle ore 16, presso il Salone “M. Piazza”

Tra i 50 partecipanti all’edizione di quest'anno sono dunque stati selezionati i vincitori del concorso dalla giuria presieduta da Costanzo Gatta e composta da Maria Rosa Bertellini, Alfredo Bonomi, Piergiorgio Cinelli, Massimo Lanzini, Milena Moneta, Daniele Squassina, Carla Boroni (garante per il Comitato Scientifico), Clotilde Castelli (garante per il Consiglio di amministrazione).

Tutti i vincitori del premio

Sezione Poesia inedita in dialetto bresciano

1° premio: Velise Bonfante di Desenzano del Garda con la poesia “Tàzer sensa tèmp”

2° premio: Angelo Comparcini di Brescia con la poesia “El tèp che resta”

3° premio: Angelo Bergomi di Rovato con la poesia “Viàs”

Segnalazione di merito a:

Angelo Giovanni Trotti di Monno con la poesia “Tapìne”

Franco Bonatti di Desenzano del Garda con la poesia “La fontanèla”

Roberta Ventura di Vezza d’Oglio con la poesia “Sipario desquarcià”

Menzione d’onore a:

Franco Visconti di Brescia con la poesia “El contadì de la Caffaro”

Marina Moscardi di Breno con la poesia “Al Minighì Picapreda”

Premio speciale “ Francesco Braghini”

Pierluigi Dainesi di Brescia con la poesia “El vul”

Premio speciale “Cinelli”

Bruno Garzoni di Villanuova sul Clisi con la poesia “Vècc”

Sezione Brani musicali inediti con testo in dialetto bresciano

1° premio: Roberto Franzoni di Calcinato con il brano musicale “El me Cés”.