Ha ufficialmente preso il via la 122esima Fiera di San Giuseppe, storica manifestazione dedicata al mondo agricolo tra tradizione e innovazione, divenuta con il passare degli anni un appuntamento dal forte richiamo per il territorio di Pozzolengo e per il turismo enogastronomico regionale.

Come ormai da consolidata consuetudine, l’evento sarà caratterizzato da numerosi eventi tra i quali spicca la “Dispensa Morenica e Terre del Lugana”, percorso fra i prodotti tipici e l'eccellenza dei vini delle cantine locali nonché fiore all'occhiello della kermesse. Un appuntamento al quale verranno affiancate numerose attività e iniziative realizzate grazie alla collaborazione tra l’Amministrazione comunale, l’Associazione Pro Loco di Pozzolengo, le aziende e le associazioni del territorio.

L’evento è patrocinato dal Ministero dell’Agricoltura Sovranità alimentare e delle Foreste, Regione Lombardia e Provincia di Brescia, Colline Moreniche del Garda, Gal Colli Morenici e Consorzio del Lugana.

Il compito di aprire la Fiera di San Giuseppe è spettato al 21esimo “Concorso Salame Morenico tradizionale di Pozzolengo”, a cui è seguito la cena inaugurale di giovedì sera, mentre venerdì 15 è stato programmato il convegno “Fare agricoltura oggi, tra conferme e novità”, organizzato in collaborazione con Coldiretti Brescia presso il Centro Risorse Sociali, sede dell’Auser.

Tappe di avvicinamento queste che hanno portato all’inaugurazione ufficiale della Fiera e della “Dispensa Morenica e Terre del Lugana” (allestita presso il parcheggio delle scuole e la palestra) in programma oggi, sabato 16 marzo, alle ore 11.00, e allietata dai cori dei bambini e ragazzi del paese con la presenza dei musicisti della “Piccola Orchestra di Pozzolengo" presso la Zona fieristica di via Longarone.

In serata, a seguire, prevista la Cena solidale di San Giuseppe presso l’Oratorio S.Lorenzo M. alle 19.30, con la quale si sosterrà la Campagna Tende 23-24 di AVSI volta a sensibilizzazione la comunità sul tema della pace.

La manifestazione sarà infine come sempre arricchita dai tradizionali appuntamenti come l’esposizione di trattori d’epoca, il Luna Park e l’ampia offerta di prodotti tipici come il famoso “Chisol so la gradela”.