Nella giornata di ieri, mercoledì 22 novembre, è arrivata sul lago di Garda una nuova motovedetta, assegnata alle acque interne benacensi dal Comando Generale delle Capitanerie di Porto su richiesta della Direzione Marittima di Venezia.

Tale unità navale, nota con la numerazione CP 602, possiede strumentazione radioelettrica d’avanguardia ed è in grado di navigare con particolare rapidità, per questo sarà destinata a rispondere alle sempre crescenti esigenze relative alla vigilanza e alle operazioni di soccorso sullo specchio lacustre, che nei mesi estivi si fanno particolarmente intense. Un fatto testimoniato appunto anche dall’attenzione riservata al territorio da parte della Guardia Costiera, che negli ultimi tre anni ha aumentato le proprie unità in loco, nonché il personale operativo, di circa il 50% rispetto agli organici e alle dotazione delle precedenti annualità. I mezzi navali schierati nel lago di Garda salgono dunque a otto, basati su ciascuna sponda e in molteplici porti, con la base bresciana posta a Salò. L’equipaggio della nuova unità, composto da tre militari, condurrà nei prossimi mesi delle cruciali attività di addestramento, oltre al servizio di polizia per la sicurezza della navigazione e i controlli ambientali. In seguito, con l’inizio della stagione estiva, la nuova motovedetta CP 602 sarà schierata nel basso lago, facendo base nel porto di Desenzano del Garda.