Per ricordare e rendere onore ai concittadini che hanno perso la vita a causa del Covid, è stato inaugurato a Desenzano il “Bosco del Ricordo”, uno speciale “monumento verde” fortemente voluto dall’intera Amministrazione e dai consiglieri di minoranza, simbolo sul territorio di un periodo già entrato nelle pagine di storia.

Sono infatti state piantate al Parco del Laghetto – Oriana Fallaci quaranta magnolie che testimonieranno concretamente e costantemente il ricordo dei cittadini desenzanesi scomparsi, secondo il progetto realizzato dagli uffici comunali dell’Ecologia: il tutto in occasione di una data estrema- mente simbolica, lo scorso 18 marzo, in concomitanza della Giornata Nazionale delle Vittime del Covid.

Si è scelto infatti di posare la “Magnolia Grandiflora”, in quanto oltre al fiore, consistente, rigoglioso, profumato di un colore bianco candido o rosato, l’elemento che rende questa pianta adatta allo scopo che si intendeva perseguire è l’essere sempreverde, e che quindi caratterizzasse per l’intero anno il luogo.

Si è inoltre optato per un forma a spirale in quanto figura geometrica che si ritrova in tutte le culture: una linea che si avvolge su sé stessa attinente alla rappresentazione dei ritmi ciclici della vita, così da interpretare il monumento come principio di vita che accoglie in sé anche le avversità irreparabili della vita stessa.

L’inizio e la fine della spirale sono delimitati da due piccoli monumenti: di fianco al primo albero è stata posta una piccola sfera in botticino martellinato, appunto per delineare la partenza del percorso; al termine del selciato di ghiaia e delle magnolie è invece presente un masso in granito grigio riportante la targa commemorativa dell’evento.