Ancora un episodio di violenza giovanile registrato sul territorio di Montichiari nella giornata di ieri, sabato 4 maggio, quando in serata è scoppiata una rissa presso il luna park attualmente presente in zona City per la fiera del patrono San Pancrazio.

Secondo quanto emerso, due gruppi di ragazzini provenienti da Montichiari e Calcinato si sarebbero dati appuntamento per una sorta di regolamento dei conti, per poi darsele di santa ragione difronte allo sguardo preoccupato dei presenti, i quali hanno subito allertato le forze dell'ordine.

Un vasto dispiegamento di forze è stato predisposto quindi dai carabinieri, giunti sul posto con 10 pattuglie per gestire una situazione evidentemente tesa, i quali ora indagano sui contorni della vicenda che avrebbe comportato il ricovero in ospedale di un ragazzino a causa della frattura scomposta del setto nasale.

Un fatto che ha visto anche l'intervento del sindaco di Montichiari Marco Togni, il quale ha spiegato sui social che la rissa "pare fosse stata organizzata via chat, tant'è che qualcuno ha pure detto al personale dei bar di preparare tanto ghiaccio, perché qualcuno si sarebbe fatto male”.

Sindaco Togni che ha inoltre paventato la possibilità di chiudere anticipatamente il lunapark: “Valuterò con le forze dell'ordine l'accaduto e nel caso non mi farò alcun riguardo a chiedere alle giostre di andare via. Loro non c'entrano nulla e non hanno colpa, ma sono un punto attrattivo per i ragazzi” ha infatti dichiarato.

Una possibilità questa che ha generato uno strascico di polemiche nella comunità, con tanti cittadini convinti che possa rappresentare unicamente una brutta notizia per le famiglie e i bambini che si divertono ogni giorno presso le giostre, mentre gli episodi di violenza giovanile si potrebbero semplicemente spostare in altre aree della città come purtroppo più volte avvenuto nel recente passato.