Come annunciato nelle ultime ore dall'Asst Spedali Civili di Brescia, sono stati messi in calendario una serie di interventi necessari per l'adeguamento sismico e antincendio presso l'Ospedale di Montichiari.

Lavori questi che saranno necessari, secondo quanto specificato tramite apposita nota, per "garantire sempre più sicurezza ai pazienti e agli operatori, a chi transita e frequenta il Presidio Ospedaliero, garantendo l’operatività dell’ospedale anche durante la fase dei lavori. Una maggior sicurezza che si otterrà in breve tempo grazie alla realizzazione di opere per la prevenzione incendi e per l’adeguamento sismico delle strutture."

Un intervento quello programmato presso la struttura che sarà sostenuto grazie ai fondi del Piano Nazionale per gli Investimenti Complementari (PNC) pari a quasi 14 milioni di euro, a cui si aggiungono 2 milioni e mezzo di Fondi Regionali.

"Le operazioni riguarderanno in particolare due macro aree di intervento: l’adeguamento sismico con interventi di carattere strutturale e l’adeguamento della sicurezza antincendio con interventi edili ed impiantistici - viene inoltre specificato - Al fine di garantire l’operatività del Presidio Ospedaliero durante l’intera fase dei lavori, sarà adottato un sistema organizzativo spazio-temporale specifico per le singole lavorazioni. È prevista, infatti, l’interdizione di un’ala dell’edificio alla volta, procedendo nella prima fase con l’ala est dell’ospedale, dal livello -3 fino al livello 6. Conclusi i lavori della fase 1, si procederà sulla restante porzione dell’edificio, l’ala ovest, con le medesime modalità. Tutto questo per cercare di creare meno disagi possibili agli utenti dell’Ospedale di Montichiari".