A distanza di cinque anni dall'episodio che ha dato il via alla vicenda legale, è infine arrivato dal Ministero degli Interni il risarcimento nei confronti di Eleonora Grimaldi, titolare del Bar Italia di Montichiari, dopo che si era vista chiudere il locale a seguito di episodi legati allo spaccio e alla microcriminalità.

Una storia questa risalente appunto al 2019, quando il Questore di Brescia aveva predisposto la sospensione per 15 giorni dell'attività a causa di "seri problemi di legalità nel contesto ambientale per la perdurante presenza nei locali e nelle pertinenze di soggetti legati al contesto criminale degli stupefacenti".

Immediato il ricorso della titolare nei confronti del Tar, il quale le aveva dato ragione visto come si riteneva "illegittimo" il provvedimento adottato verso il locale, facendo così scattare la richiesta di risarcimento danni.

Un contenzioso che si è quindi concluso infine con il Ministero condannato a risarcire la signora Grimaldi di 3mila euro per il danno economico conseguente alla chiusura dell'attività, a cui si sommano ulteriori 1.500 euro per danni d'immagine, per un totale di 4.500 euro.