Prenderà il via nella giornata odierna la 48ª edizione di "Hospitality – Il Salone dell’Accoglienza", la più completa fiera internazionale in Italia del settore Ho.Re.Ca., in programma dal 5 all’8 febbraio al quartiere fieristico di Riva del Garda.

Quest’anno la manifestazione vede la partecipazione di oltre 750 espositori, in crescita di circa il 20% rispetto al 2023. Molte le riconferme e un significativo 40% di nuove aziende che hanno scelto Riva del Garda per aprirsi al mercato globale e allargare i propri orizzonti. Al percorso espositivo si intrecciano oltre 140 eventi con 170 speaker tra iniziative formative ed esperienziali pensati per la People Industry del settore Ho.Re.Ca.

In Fiera sono infatti attese delegazioni di operatori da Slovenia, Paesi dell’Est Europa, Scandinavia, Spagna, Portogallo, UK, Paesi di lingua tedesca, oltre a Kenya e Centro e Sud America.

Presente per l'occasione anche lo “Spazio Vignaiolo”, area che ospiterà oltre 125 Vignaioli Indipendenti per incontrare il mondo dell’ospitalità e della ristorazione con banchi di assaggio, incontri, laboratori e degustazioni.

Non mancheranno inoltre approfondimenti sull’Intelligenza Artificiale al servizio di turismo e ospitalità, anche grazie alla collaborazione con WMF - We Make Future Festival. La quarta giornata del programma di Hospitality Academy sarà infatti una full immersion dedicata alla AI nel settore turistico e della ricettività con talk ispirazionali o formativi, vere e proprie lezioni su come ottimizzare la digital strategy in ambito turistico e sessioni interattive con lo scopo di analizzare potenzialità, punti deboli e margini di ottimizzazione di alcuni progetti digital reali.

Tra le novità di Hospitality 2024 grande attenzione è riservata a design e progettualità degli spazi che oltre ad essere belli ed accoglienti devono soddisfare le esigenze di tutti. In tema di accessibilità ed inclusione, quest’anno il padiglione D si arricchisce dell’area "DI OGNUNO". In collaborazione con Village for All - V4A e Lombardini22 si indagherà l’inclusività attraverso gli spazi della reception, in cui l’applicazione delle neuroscienze all’architettura permette di ricreare l’esperienza del check-in e check-out con tre percorsi esperienziali e immersivi che illustrano le diverse esigenze di accessibilità per disabilità sensoriale visiva, disabilità fisiche e motorie, disabilità sensoriale uditiva e disabilità cognitive, permettendo di vedere il buio, muovere lo spazio, ascoltare il silenzio.

Il design diventa anche protagonista nella mostra nel padiglione C2 “Esperienze e Sensibilità con il Linguaggio Materico” a cura di ADI - Associazione per il Disegno Industriale delegazione Veneto e Trentino-Alto Adige. Un viaggio nell’arte del linguaggio materico nell'ambito del design per l’ospitalità in cui i designer sono narratori di storie attraverso i materiali, selezionano e valorizzano ogni elemento per creare esperienze uniche.

La manifestazione include tutti i segmenti dell’Ho.Re.Ca.: accanto al percorso espositivo completo, sviluppato nelle quattro aree tematiche - Contract & Wellness, Beverage, Food & Equipment e Renovation & Tech - e le tre aree speciali - Solobirra, RPM-Riva Pianeta Mixology e Winescape, dedicate alla birra artigianale, al bere miscelato e al turismo del vino -, Hospitality 2024 presenta un ancor più ricco palinsesto di eventi, show-cooking, degustazioni e concorsi. Non mancheranno gli incontri formativi di Hospitality Academy, in collaborazione con Teamwork

Infine, anche quest’anno si potrà organizzare la propria visita in fiera con l’app Hospitality Digital Space, una piattaforma virtuale per gestire gli appuntamenti, fare networking, visionare il catalogo prodotti ed espositori e consultare il palinsesto completo degli eventi.