Il MarteS-Museo d'Arte Sorlini di Calvagese della Riviera entra a far parte del circuito dei musei riconosciuti da Regione Lombardia. Lo stabilisce una delibera approvata dalla Giunta regionale su proposta dell'assessore alla Cultura, Francesca Caruso.

Prestigiosa pinacoteca che arricchisce il patrimonio artistico del lago di Garda e della provincia bresciana, al MarteS Vi sono conservate opere di inestimabile valore raccolte dall'imprenditore e appassionato d'arte Luciano Sorlini, ora interamente a disposizione del pubblico in un elegante palazzo seicentesco.

Il museo vanta una ricca collezione dei migliori pittori veneziani del Settecento: custodisce 154 dipinti acquistati dallo stesso Sorlini in oltre 50 anni di appassionanti ricerche, più altre rinomate opere che i discendenti hanno voluto depositare tra quelle specificamente assegnate al Museo dall'imprenditore per un totale di 180 opere di eccezionale rilevanza. Il percorso espositivo è suddiviso in 14 sale su una superficie di oltre 1.000 mq ed è ospitato negli ambienti monumentali di rappresentanza che affiancano quelli della residenza vera e propria di Luciano, attualmente sede della Fondazione a lui intitolata.

Il riconoscimento di Regione Lombardia, concesso ai musei che rispettano specifici standard qualitativi, ha l'obiettivo di potenziare progressivamente le attività di conservazione, ricerca, valorizzazione e promozione che gli istituti museali svolgono, migliorare la loro capacità di offerta e di visibilità al pubblico e accrescere la loro credibilità nei confronti degli organi di governo e del pubblico in generale.

"Un numero importante - ha dichiarato l'assessore Caruso - che dimostra quanto siano preziosi e nutriti questi beni radicati nel nostro territorio e che contribuiscono ad aumentare il valore materiale e immateriale della cultura lombarda. La nostra azione è incentrata sulla concezione del museo come presidio fondamentale per una conoscenza diffusa e luogo di conservazione del patrimonio e della memoria".

"Continuiamo a mettere in campo - ha aggiunto - misure significative con l'obiettivo di sostenere istituti e luoghi della cultura e favorire così nuove competenze e un ripensamento delle attività da sviluppare in chiave innovativa. E' nostro compito impegnarci a migliorare sempre più la qualità dei servizi offerti nei musei"