Un'altra notte magica quella di ieri, sabato 8 giugno, per l'atletica italiana e in particolare per Marcell Jacobs, che si conferma campione d'Europa nei 100 metri facendo registrare un tempo di 10'02 sulla pista dello Stadio Olimpico di Roma.

Il velocista desenzanese, non ancora al top della forma, ha quindi bissato il successo della scorsa edizione davanti ad un grande Chituru Ali, il gigante azzurro capace di conquistare la medaglia d'argento confermando così ancora una volta le potenzialità del team Italia in vista dei Giochi Olimpici di Parigi al via il prossimo 26 luglio.

L'Italia al termine della seconda giornata vanta infatti la vetta assoluta del medagliere con un impressionante bottino di 10 medaglie, di cui 5 ori, 4 argenti e un bronzo, raggiunto al termine di una giornata storica per l'atletica azzurra: mai infatti erano state vinte sei medaglie in una sola giornata.

Serata chiusa al meglio con la prestazione del campione olimpico, che con il suo miglior crono stagionale mette ora nel mirino l'appuntamento a cinque cerchi, nonostante al termine della gara sia stato vittima di un affaticamento al polpaccio: "Ho avuto un po' di affaticamento ai polpacci, ho sentito che si iniziava a chiudere un pochino. Mi aspettavo di correre più forte ma l'importante è uscire da qui da campione europeo - ha dichiarato Jacobs ai microfoni Rai - Adesso continuiamo a lavorare, sapevo che non sarei arrivato nelle migliori condizioni dell'anno ma sono contentissimo per questa medaglia".

Ph: fidal.it