Si aggiorna di un nuovo, e forse ultimo, capitolo la triste vicenda relativa alla morte di Samuele Freddi, 20enne di Manerba tragicamente deceduto nel luglio 2021, con l'amico finito inizialmente sul banco degli imputati e ora assolto, nella giornata di ieri, dall'accusa di omicidio preterintenzionale.

In base alle ricostruzioni di quella sera, Samuele sembra avesse battuto la testa sul marciapiede durante un litigio a margine di una serata di divertimento trascorsa in discoteca con gli amici, per poi rincasare dopo aver ricevuto le cure del caso presso il pronto soccorso di Gavardo. Nulla che avrebbe fatto presagire al malore che lo sorprese a distanza di ore, con il decesso sopraggiunto nella notte a causa di un'emorragia celebrale risultata fatale.

A quasi due anni dagli eventi sopra citati, nel marzo 2023, giunse quindi la richiesta di rinvio a giudizio nei confronti dell'amico coinvolto in quell'incidente, in quanto la caduta e il conseguente trauma vennero valutati decisivi e fatali in base allo sviluppo delle condizioni cliniche di Samuele.

Almeno fino alla sentenza di primo grado, che ha infine portato alla completa assoluzione del giovane imputato, per il quale si chiese una condanna di 3 anni e 4 mesi.