È stata una notte decisamente complicata quella appena trascorsa sul Garda, colpito da un violento temporale che ha fatto cadere grandine dalle dimensioni impressionanti come raccontato nella serata di ieri.

Tantissimi i danni trovati dalle prime ore della mattina soprattutto alle vetture e agli edifici, con muri "crivellati" come da raffiche di proiettili e auto dai vetri in frantumi, per non parlare del settore agricolo, che si è trovato scatenatosi contro un vero e proprio inferno.

Maltempo che è durato per buona parte della notte, e che questa mattina ha ripreso vigore con nuove intense precipitazioni accompagnate da impressionanti boati dal cielo, ma secondo gli esperti dovrebbe andare ad attenuarsi nel pomeriggio, come in parte già avvenuto dalle ore 8 circa.

Come infatti descritto all'interno dell'allerta arancione diramata ieri dalla Protezione Civile, "Nella prima parte della giornata di domani, 25 luglio, è previsto il transito della parte più attiva della perturbazione con precipitazioni diffuse su tutta la Regione, a prevalente carattere temporalesco. I temporali evolveranno progressivamente da Ovest verso Est e la probabilità di fenomeni di forte intensità risulterà massima fino al mattino. Tra il pomeriggio e la serata atteso generale miglioramento ad iniziare dai settori alpini e successivamente sulla pianura partendo da Ovest".

In ogni caso, come specificato sempre dalla Protezione Civile, "Il Centro Funzionale rivaluterà nella mattinata di domani (cioè in queste ore) nuovi scenari previsionali per l’eventuale aggiornamento dei codici di allerta validi per la seconda parte della giornata".