Dopo le ulteriori critiche mosse nei confronti del progetto del nuovo ospedale di Desenzano in occasione dei recenti incontri organizzati dal Circolo del Partito Democratico, con la partecipazione delle altre forze politiche di minoranza, dei sindacati e delle associazioni di categoria, arriva ora l'ipotesi Lonato come destinazione del nuovo nosocomio.

Più che di un'ipotesi, come spiegato dal Bresciaoggi, si tratta in realtà di una possibilità proposta dal sindaco di Lonato Roberto Tardani, il quale è intervenuto durante l'ultimo consiglio comunale lanciando l'idea di sfruttare l'area delle cave Vezzola (circa 480mq) per la quale è prevista una cessione al Comune per un utilizzo di pubblica utilità.

Il sindaco ha infatti ipotizzato che quell'area possa essere destinata ad ospitare il nuovo ospedale, in quanto ben collocata sul territorio e di facile accesso dal punto di vista viabilistico, tant'è che il Comune sarebbe disposto a cederla gratuitamente: il tutto nel caso in cui dovesse essere bocciata l'ipotesi Monte Croce, discussa per diversi motivi tra cui appunto la viabilità, i vincoli paesaggistici e i costi.