È stato presentato nella serata di ieri, martedì 18 giugno, durante il Consiglio comunale il progetto di realizzazione del nuovo centro sportivo comunale polivalente di Lonato del Garda, uno dei punti ritenuti cruciali delle linee programmatiche del mandato dell’Amministrazione comunale.

Il progetto risponde al duplice obiettivo di porre in essere strategie di promozione della comunità e di riqualificazione delle aree in disuso o dismesse sul territorio comunale e di dotare lo stesso di un comparto urbano a vocazione sportiva, considerata l’importanza attribuita all’attività sportiva come strumento di promozione di uno stile di vita salutare e di benessere psico-fisico e occasione di socializzazione e integrazione sociale.

Come supporto tecnico, è intervenuto nella relazione anche il progettista Arch. Roberto di Gregorio dello Studio D+BM (Cisano Bergamasco), il quale ha approfondito i vari aspetti tecnici ma anche normativi rispetto al progetto: dalle scelte progettuali, alla verifica degli aspetti urbanistico-edilizi, agli standard sportivi previsti per la tipologia di opera pubblica, alle modalità di affidamento e di finanziamento, al confronto con le strutture sportive già presenti sul territorio comunale e su quelli limitrofi.

L’area su cui sorgerà il centro sportivo occupa quasi 90.000 mq e fu acquisita fin dal 2011 a seguito di una convenzione urbanistica. Da allora si sono susseguiti una serie di incontri e sono state elaborate proposte progettuali anche in sinergia con le realtà locali, al fine di giungere ad una soluzione che potesse soddisfare le esigenze sia dei fruitori della disciplina calcistica, sia di altre attività sportive.

Il progetto

Il progetto complessivo prevede la realizzazione di un impianto polisportivo polivalente, dotato di campi, spazi aperti e attrezzature per una molteplicità di attività ludiche, ricreative, educative, inclusive e sportive. Nello specifico, è possibile identificare la realizzazione di due lotti: il primo lotto dedicato espressamente al “calcio”; il secondo lotto ad “altri sport” o “polisportivo”.

Il bando per l’affidamento dei due lotti è in fase di predisposizione e si prevede possa essere pubblicato entro luglio. Per quanto concerne le tempistiche di realizzazione, si stima che i lavori richiederanno un periodo di intervento stimato di circa 90 settimane.

Lotto “calcio”

Per quanto concerne il lotto “calcio”, ci si pone l’obiettivo di realizzare due campi sportivi, uno in misure regolamentari da Serie A (105,00x68,00m), completo di spogliatoi e tribune; il secondo di misure adeguate ad un campo da calcio a 7 (55,00 x 35,0 m).

Inoltre il lotto comprenderà le opere complementari e di urbanizzazione che consentano la fruibilità della struttura stessa. In considerazione alla conformazione territoriale dell’area, si renderanno necessarie importanti opere di ridistribuzione del terreno che comporteranno la collocazione degli impianti su diversi livelli. La realizzazione di questo primo lotto sarà interamente finanziata dal Comune, attraverso l’accensione di apposito mutuo, per un ammontare pari a € 5.750.000,00.

Lotto “polisportivo”

Il secondo lotto permette il completamento dell’impianto attraverso la creazione di spazi polisportivi, tra cui campi da padel, tennis, beach volley, di un campo polivalente (pallavolo/basket), spogliatoi, un punto di accoglienza/ingresso e un’area ristorazione/bar. A differenza del primo, questo lotto sarà oggetto, invece, di una concessione in cui il candidato si proporrà per la realizzazione delle opere, a sue spese, beneficiando ovviamente dei proventi dell’attività di gestione per un periodo di concessione di 25 anni, incluso il tempo previsto di cantierizzazione.

Tutto il centro sportivo sarà inclusivo e accessibile da parte di ogni possibile utente, considerate anche le persone con disabilità motoria. I percorsi ed i camminamenti che sarà necessario realizzare lungo il sistema dei corpi edilizi (dall’ingresso principale sino alle tribune) saranno piani o con pendenze moderate, di larghezza sufficiente al transito e alle manovre delle sedie a rotelle.

Il progetto prevede anche un’area parcheggio, con ingressi da via Fenil Nuovo Molini, di supporto all’impianto sportivo e dimensionato per l’utenza stimata sia in occasioni ordinarie, ma anche in caso di competizioni agonistiche. Il parcheggio pubblico potrà offrire 82 posti auto; quello riservato agli atleti potrà offrirne 39, con spazi dedicati alla sosta e manovra dei pullman societari.

Previsti interventi in relazione all’illuminazione pubblica, di installazione di arredi urbani e dissuasori di separazione dell’area a traffico da quella pedonale.

Le parole dell'Amministrazione comunale

“Penso che la presentazione di questo progetto significhi, in primis, dare una risposta concreta alle esigenze della comunità giovanile e a tutti gli amanti dello sport. Il nostro compito ora è lavorare per far crescere questa realtà, portando a termine tutte le operazioni necessarie per la pubblicazione della gara pubblica e l’appalto dei lavori e la sottoscrizione al Credito Sportivo che permetterà di finanziare l’opera. L’elaborazione del progetto è stato un percorso complesso e laborioso, che ha richiesto un grande lavoro da parte degli uffici comunali e dei tecnici, persone che ringrazio perché si sono rimboccate le maniche collaborando assiduamente con l’Amministrazione per dar vita a questo centro sportivo, o meglio un polo di ritrovo polifunzionale che spazierà dal calcio a tante altre discipline” ha sottolineato l’Assessore al Bilancio e Patrimonio, Massimo Castellini.

“Questa sera abbiamo condiviso uno step importante nel raggiungimento degli obiettivi che quattro anni fa ci siamo prefissati, definendo le linee programmatiche del nostro mandato. Per me è davvero una grande soddisfazione: il primo pensiero è sempre rivolto alla comunità, ai nostri concittadini e alla possibilità di offrire loro un ulteriore servizio. Penso davvero a tutte le famiglie, ai ragazzi e ai bambini che potranno usufruire di questa struttura senza doversi allontanare da casa. Lo sport è fonte di benessere, per il corpo e per la mente. Lo abbiamo ripetuto molte volte e continueremo a supportare questa linea di pensiero. In primis, come medico, non smetterò mai di sostenere quanto sia fondamentale incentivare alla pratica dello sport per favorire uno sviluppo e una crescita sana, nonché creare momenti di aggregazione e socialità. Ringrazio davvero i tecnici comunali, i professionisti e i colleghi che si sono dedicati affinché si potesse giungere a questo momento e all’elaborazione della soluzione più ottimale per la cittadinanza intera” ha sottolineato anche il Sindaco, Roberto Tardani.