Online da pochi giorni il nuovo sito web istituzionale del Comune di Lonato del Garda, realizzato secondo le più recenti Linee guida di design per i siti internet ed i servizi digitali della Pubblica Amministrazione, frutto del lavoro congiunto tra AGID e il Dipartimento per la Trasformazione Digitale.

Avviata con un clic simbolico nella mattinata di mercoledì 24 aprile da parte dell’Assessore all’Innovazione Tecnologica e Smartcity, Massimo Castellini, la piattaforma segnerà una vera e propria svolta nella digitalizzazione dell’ente locale.

Il nuovo sito è stato realizzato nell’ambito dei progetti di digitalizzazione PNRR (Misura 1.4.1.) “Innovazione e Digitalizzazione del Paese” e per cui l’Amministrazione. Già nel 2022, è risultata assegnataria di un finanziamento di circa 150mila euro, a copertura delle spese per il nuovo sito e per l’adeguamento tecnologico dello sportello telematico ad una serie di obiettivi e criteri indicati dal progetto Designers Italia molto più smart, di facile fruibilità e accessibile.

Il rifacimento del sito si è reso necessario proprio per adempiere a dei precisi standard di design grafico e di navigazione dei contenuti, adottando il “modello comuni” nazionale: lo scopo del modello è quello di fornire ai cittadini un chiaro punto di riferimento per trovare con facilità le informazioni di cui hanno bisogno. L’adozione del modello permette, inoltre, di aderire più facilmente alle migliori pratiche di progettazione, fornendo allo stesso tempo ai cittadini un’esperienza coerente tra le varie amministrazioni.

Semplicità di consultazione ed esperienza d’uso costituiscono uno snodo cruciale per l’efficacia dei prodotti digitali della PA: siti internet e servizi digitali utili e facili da usare, progettati secondo una metodologia centrata sull’utente, sono un diritto per tutte le persone, che possono così usufruirne in modo semplice e chiaro, accrescendone la diffusione.

A ribadire la centralità dell’utente, il sito darà la possibilità di esprimere il proprio giudizio sulla chiarezza delle informazioni pubblicate, giudizi preziosi perché aiuteranno a migliorare ulteriormente l’esperienza online.

Tra le novità più significative, come già sottolineato nel 2022, è l’integrazione di uno specifico linguaggio informatico grazie al quale sarà possibile rendere più chiaro e comprensibile il contenuto del sito per aiutare anche i lettori con disabilità cognitive e di apprendimento.

“Il nuovo portale www.comune.lonato.bs.it è stato pensato per essere intuitivo, accessibile e ricco di informazioni utili per i cittadini. Offre una navigazione semplificata, un accesso rapido a tutte le informazioni riguardanti i servizi comunali, gli eventi, le notizie e un motore di ricerca veloce. Questo sarà possibile con il nuovo sito e il portale dei servizi digitali che partirà nel mese prossimo: un altro tassello che si aggiunge ad un percorso di lungo respiro. Da qui, infatti, ci occuperemo poi dello sviluppo di altri servizi digitali per migliorare l’esperienza dei cittadini nei confronti dell’Ente locale grazie ai grandi vantaggi offerti dalla tecnologia” - commenta l’Assessore Massimo Castellini.

Nuova funzione sulla quale l’Ufficio CED del Comune lavorerà nelle prossime settimane sarà il servizio di “Prenotazioni agli uffici online”: per la prima volta sarà possibile prenotare appuntamenti presso vari uffici comunali direttamente dal sito web. Questa nuova funzionalità punta a semplificare il processo di richiesta dei servizi riducendo i tempi di attesa e offrendo maggiore flessibilità ai cittadini nel gestire i propri impegni. Come per i servizi digitali, il cittadino potrà ricevere le comunicazioni in merito alle proprie prenotazioni tramite l’area riservata e per mezzo di e-mail. Seguirà una fase di importazione di dati sulla nuova piattaforma per consentire il corretto funzionamento di questo aspetto pratico.

Aggiunge il Sindaco, Roberto Tardani - “Questo è solo l’inizio di una serie di implementazioni tecnologiche che andranno a migliorare e rendere all’avanguardia la smartcity lonatese. Come di consueto, ogni evoluzione tecnologica, una volta a regime sarà presentata alla cittadinanza e alle scuole”.