Un periodo caratterizzato dall'eccezionale abbondanza idrica quello che si sta vivendo di recente sul Garda, e in particolare negli ultimi giorni, con il lago arrivato a toccare il livello record di oltre 139 cm sullo zero idrometrico di Peschiera dopo le eccezionali precipitazioni di questa primavera.

In base alle rilevazioni della Comunità del Garda, l'acqua avrebbe raggiunto un altezza di ben 139,3 cm nella giornata di ieri, sabato 25 maggio, con uno scarico idrico dall'edificio regolatore di Salionze pari a 150 m³/sec ormai dallo scorso 17 maggio. Calcolando che il limite standard si attesta a 135 cm, attualmente il riempimento del bacino benacense è del 103% circa.

Un vero e proprio record questo se considerati gli ultimi 30 anni, e fa ancora più specie soprattutto in confronto alla situazione emergenziale presente solamente un anno fa, quando il livello si attestava sugli 83 cm sullo zero idrometrico, rendendo necessario anche posticipare l'avvio della stagione irrigua presso i territori coltivati, soprattutto nell'alto mantovano.

Una situazione quella attuale che dovrà infine tenere conto di come la prossima settimana prenderanno il via alcuni interventi presso la diga di Salionze, necessari in particolare per gestire la sovrabbondanza d'acqua e garantire la sicurezza relativa al funzionamento delle infrastrutture per prevenire eventuali problemi legati all'innalzamento dei livelli.