L’Amministrazione comunale di Medole, guidata dal Primo Cittadino Mauro Morandi, sta di questi tempi notoriamente conducendo una vasta serie di opere pubbliche, con il fine di rinnovare l’immagine del paese per gli anni a venire, non senza ricevere da un lato il supporto di una consistente fetta della comunità cittadina, ma dall’altro anche le critiche di diversi contrari.

Nel paniere degli interventi si stanno aggiungendo negli ultimi giorni alcuni nuovi progetti, come il rifacimento del teatro, per il quale l’Amministrazione comunale avrebbe già ottenuto un contributo da 770mila euro, derivante da un bando statale volto a effettuare interventi di tutela e di promozione del patrimonio storico e culturale dei piccoli comuni. I fondi dovrebbero quindi portare alla ristrutturazione completa dell’edificio, con interventi, che interesseranno i camerini, le rampe d’accesso, i servizi igienici e il ridotto.

Il progetto fa parte appunto di una serie di lavori volti a rinnovare l’immagine dell’intero paese, di cui alcuni già in una fase avanzata di realizzazione, come quelli relativi alla piazza, al vecchio municipio, al sagrato della chiesa, ai parchi che vedranno la riapertura dei chioschi nella prossima estate, alle aree dedicate allo sport e all’inclusione, nonché al rifacimento di viale Zanella, che vedrà presto nuove panchine, illuminazione e piante inserite nelle aiuole. Altra nuova idea, per ora però rimasta su carta, è quella di aprire un piccolo poliambulatorio in locali di proprietà di una onlus del territorio, con l’obiettivo attrarre dei nuovi medici di base, al momento presenti in numero insufficiente rispetto alle esigenze del paese. Tutte queste opere non avrebbero sino a oggi inciso in maniera decisiva sulle casse comunali, avendo potuto beneficiare l’Amministrazione di tutta una serie di bandi messi a disposizione dallo stato e dalle istituzioni regionali.