Dalla sua nascita la Festa della Musica è diventata un autentico fenomeno sociale in tutta Europa e nel mondo, e quest’anno anche Riva del Garda ha voluto partecipare alla grande festa in musica che segna l’inizio dell’estate e l'ha fatto in modo diverso: con la precisa volontà di mettere in risalto le associazioni locali e soprattutto i giovani.

Sette le postazioni, che dalle 16 a mezzanotte hanno dato vita al grande ensemble musicale: parco Miralago, Fraglia della Vela, piazza delle Erbe, palazzo Martini, piazzetta Craffonara, cortile della Rocca e parco del Brolio. Un susseguirsi di realtà locali fatte di associazioni giovani e dinamiche che hanno divertito i tanti spettatori -numerosi anche i turisti- che hanno cantato, ballato e ascoltato con partecipazione gli artisti intervenuti.

È partito tutto da piazza Erbe alle ore 16 dove i più piccoli hanno potuto sperimentare suoni e strumenti in un bel percorso musicale per bambini dai 4 anni con attività di musica e movimento proposte dalla Scuola Musicale Alto Garda (Smag). A seguire, fino alla mezzanotte, le esibizioni degli allievi e dei docenti Smag e l’emozionante maratona pianistica con pianoforte a coda e l’esibizione canora delle voci liriche della scuola che ha incantato i tanti turisti in piazza.

A Palazzo Martini l’associazione Amici della Musica ha proposto «Voci per Rossini», dialogo-conferenza fra un musicologo e un mezzosoprano con Giorgio Appolonia e Francesca Pedaci.

In piazzetta Craffonara dalle 18 è stata la volta del Conservatorio Bonporti con l'ensemble strumentale dei propri studenti, e più tardi, il Corpo bandistico di Riva del Garda quella della propria banda giovanile, in collaborazione con gli allievi della Smim e dei corsi Musica Viva del Corpo bandistico.

Alle 21 il cortile della Rocca si è trasformato in un elegante teatro per ospitare lo spettacolo in costume dal titolo «Mozart in viaggio verso Praga» proposto dal Conservatorio Bonporti che ha incantato il pubblico presente con un incontro dal fine sapore settecentesco. Accanto alla Rocca, nel Parco del Brolio alle 22.30 è stata invece la volta de «I tanti volti delle fisarmoniche», in ricordo di Fabio Rossato, proposto dal Conservatorio Bonporti.

Infine due location amatissime dal pubblico più giovane: la Fraglia Vela e il Parco Miralago. Alla Fraglia Vela l’associazione culturale Il Buco ha dato vita a uno spettacolo a metà fra pop rock, indie e house, il «Fraglia stage sound», che ha proposto musica di vario genere dal funk all'hard rock, metal, punk e alternative rock fino al dj NMJ con musica house e techno e ancora drum&bass, breakbeat e affini.

Al parco Miralago fino alla mezzanotte è stata una grande festa grazie alle associazioni Sonà, Sixevents, Busa Network e Mercurio che hanno proposto il «Miralago Music Network, un insieme di musica, luci, giochi e divertimento per tutte le età: slackline, monocicli e giocoleria, ma anche una bella postazione food and drink hanno trasformato la fascia lago in una grande, divertente festa all’aperto fino alla mezzanotte.

D’altronde, il giorno che segna l’inizio dell’estate, non poteva che trascorrersi in riva al lago, tanto caro ai rivani e ai turisti che ogni anno scelgono di trascorrere qui le loro vacanze e, forse, da quest’anno, hanno una ragione (musicale) in più per godere della splendida cittadina lacustre: una Festa della Musica che, pur in perfetta sintonia con lo spirito della manifestazione, ha puntato sui giovani e sulle realtà locali come le associazioni, i talenti del Conservatorio e della Scuola musicale Alto Garda: su quel tessuto sociale che contraddistingue Riva del Garda andando a toccare luoghi come la spiaggia e tutta la fascia lago e non solo il bel centro storico proprio a sottolineare che l’estate -complice una serata caldissima- è proprio arrivata.