“Dammi mille baci, poi cento, poi ancora mille”. Gli immortali versi del poeta Catullo risuonano vivi e intensi oggi come un tempo. Un invito all’amore che ha attraversato i millenni e oggi traduciamo in "Kiss please", il tema della XVI edizione della Mostra Collettiva degli Artisti Sirmionesi inaugurata ieri all'interno di Palazzo Callas Exhibitions.

L’amore e il bacio, evocati dalle magiche atmosfere di Sirmione, hanno da sempre affascinato e ispirato artisti e poeti. Un tema universale e mai scontato e un omaggio a Lillo Marciano, artista che ha molto amato Sirmione e la cui opera Kiss Please accoglie e sorprende ogni giorno “gli innamorati dell’amore” all’ingresso della spiaggia delle Muse, nel cuore del centro storico.

Grande l’adesione degli artisti sirmionesi - ben 37 per questa edizione - che con le loro opere conducono i visitatori in un viaggio suggestivo attraverso idee e linguaggi artistici tra i più diversi, in una libera esplorazione del tema amoroso. Pittura, scultura, poesia, fotografia: un abbraccio di arte ed emozioni che accenderà fino al 10 marzo l’atmosfera di Palazzo Callas Exhibitions, a pieno titolo la casa degli artisti sirmionesi.

“Ancora una volta i nostri artisti hanno raccolto con grande entusiasmo l’invito ad essere protagonisti di una rassegna unica nel suo genere – è il commento dell’assessore alla Cultura Mauro Carrozza – e di nuovo stupiranno con la loro creatività i visitatori delle mostra che resterà aperta per tutto il periodo delle festività natalizie e per i primi due mesi dell’anno nuovo”.

L’allestimento nel segno del rosa

Linguaggio di comunicazione urbana e colore rosa sono i due elementi che caratterizzano l’edizione 2023. Il richiamo del titolo al “Monumento al bacio” di Lillo Marciano è immediato, così come il collegamento alla famosa frase di Cyrano de Bergerac "apostrofo rosa tra le parole t’amo".

L’esortazione al bacio e all’amore caratterizzano la mostra nell’utilizzo di immagini di “baci illustri” che disegnano il titolo, nel colore rosa come leitmotiv, nelle frasi celebri che punteggiano le sale.

"La scelta del rosa come colore dominante comunica le diverse sfumature e i significati che esso ha assunto nel corso dei secoli - racconta Mariangela Gavioli, art director di Kiss please - Tradizionalmente associato alla femminilità, alla tenerezza e all’amore, fino a un secolo fa era considerato un colore decisamente maschile, mentre in contesti più recenti viene utilizzato per rompere stereotipi di genere. Diverse inoltre sono le interpretazioni che ne fanno gli artisti con le proprie opere. Il rosa ci accoglie nella sala d’arrivo come sfondo alla grande scritta "Kiss please" e ci accompagna in tutti gli spazi. E ancora, rosa saranno i tipici coni stradali che il pubblico troverà disseminati sul pavimento, rimando al linguaggio di comunicazione urbana utilizzato dallo stesso Lillo Marciano per il suo “Monumento al bacio”. L'uso dei coni stradali, solitamente associati a indicazioni e percorsi, decorati con frasi celebri sull’amore, aggiunge un elemento inaspettato e interattivo, coinvolgendo gli spettatori in un viaggio che parte dalla lettura.” conclude Gavioli.

Artisti sirmionesi in esposizione:

Paraschiva Agavriloaie, Elisabetta Arici, Roberto Bellini, Fabrizio Biolchi, Barbara Bottura, Massimo Bottura, Umberto Cagliari, Maria Gioia Casagrande, Nazzareno Coccia, Giacomo Cordova e Federico Dibiase, Aurelio Drago, Alessandro Duina, Mauro Duina, Fabio Faccioli, Guglielmo Fadabini, Benedetta Ferranti, Cristina Gaiera, Franco Ghirardi, Fabio Giacomini, Vito Grisoni, Jennifer Guerra, Alessia Maggio, Tanja Mastroiacovo, Peppino Mellini, Gianfranco Monese, Gaston Montero, Andrea Pellicciotti, Sofia Perez, Maria Teresa Pietta, Astrid Leah Miriam Scala, Leon Vittorio Nathan Scala, Gaia Soldà, Vita Maria Vaiana, Luciano Vicentini, Serena Maya Visconti, Mara Zanetti.