Nella serata di ieri, martedì 30 maggio, un temporale particolarmente intenso si è abbattuto sul Garda Trentino, causando l’allagamento di alcune parti del centro storico del Comune di Nago Torbole, oltre a un paesaggio dall’aspetto invernale, imbiancato dalla grandine.

Il momento più intenso della perturbazione.

Inutile nascondere l’apprensione che ha generato l’evento atmosferico nei presenti e in tutta la comunità del Benaco, specialmente sulla rete e nei social, il rimando ai recenti fatti dell’Emilia Romagna è sin troppo ovvio. Fortunatamente l’acqua, per diversi minuti arrivata oltre l’altezza delle caviglie, avrebbe però iniziato a defluire con l’allentarsi dell’intensità dei rovesci, lasciando a terra un manto di grandine che gli i cittadini di Torbole hanno già iniziato spontaneamente a rimuovere.

La circolazione è divenuta difficoltosa anche sulla Gardesana.

Nonostante l’intensità dell’evento meteorologico, non risulta allo stato attuale che vi siano stati dei feriti. Non è ancora disponibile una stima attendibile riguardante l’entità dei danni, ma certamente si sa che i Vigili del Fuoco hanno effettuato diversi interventi, in maniera particolare riguardo ad attività commerciali invase dall’acqua.

Al defluire dell’acqua la grandine si è depositata a terra come un manto.

In forma è durata decisamente minore l’acquazzone è arrivato successivamente anche nel basso Garda.