Il Tribunale di Brescia ha deciso pochi giorni fa di rinviare la prossima udienza del processo a carico dei responsabili dell’azienda Wte al prossimo anno, precisamente nella giornata di giovedì 21 marzo del 2024.

La ragione è l’astensione richiesta dal Giudice Cesare Bonamartini per incompatibilità, in quanto componente del Tribunale del Riesame che in passato si era pronunciato su un sequestro nell’ambito della medesima vicenda, sostituito dunque dalla dottoressa Angela Corvi, magistrato assegnato alla sezione Gip-Gup del Tribunale di Brescia. I responsabili dell’azienda Wte, che aveva sede a Calcinato, sono accusati di aver smaltito, tra il 2018 e il 2019, più di 150mila tonnellate di fanghi contaminati su qualcosa come 3mila ettari di terreno, distribuiti in 78 comuni italiani, di cui 31 in provincia di Brescia.