Tra indiscrezioni e conferme diffusesi nelle ultime ore, una novità decisamente inaspettata è emersa rispetto all’imminente passaggio del 107esimo Giro d’Italia sul territorio benacense, per il quale è prevista la tappa a cronometro Castiglione delle Stiviere – Desenzano del Garda in programma il prossimo 18 maggio.

Un evento che prevede il passaggio attraverso diverse località presenti sul territorio morenico, tra le quali però potrebbe venir meno Pozzolengo, visto come l’Amministrazione comunale sembra ora intenzionata a non concedere il permesso per il passaggio della manifestazione sulle strade comunali.

Notizia questa che ha del clamoroso se si pensa che all’evento sportivo più atteso dell’anno mancano ormai meno di due mesi, con il tracciato di 31 chilometri della 14esima tappa già diffuso ancora lo scorso ottobre dagli organizzatori della Corsa Rosa: con partenza appunto da Castiglione, il percorso prevede il passaggio attraverso i territori di Medole, Solferino e Cavriana, entrando in terra bresciana attraverso (a questo punto, forse...) Pozzolengo e San Martino, con passaggio a fianco della Torre, per poi concludersi a Desenzano.

Alla base del “no” espresso dal sindaco Paolo Bellini, come riportato dal Giornale di Brescia, ci sarebbero motivazioni legate alle ripercussioni sul territorio, dalla chiusura del traffico sulle strade per l’intera giornata alla richiesta di garantire la sicurezza durante lo svolgimento: soprattutto, a pesare sarebbe anche il mancato coinvolgimento dell’Amministrazione durante gli incontri tenutisi da diverse settimane a questa parte in Prefettura, che avrebbe portato il primo cittadino ad opporsi dunque al passaggio della manifestazione.

Sono quindi ora attesi imminenti sviluppi rispetto a questo vero e proprio fulmine a ciel sereno piombato sul Giro, che potrebbe ora vedere una nuova modifica del tracciato dopo quanto accaduto rispetto anche all’altra tappa “gardesana” in programma l’indomani, la “Manerba-Livigno” del 19 maggio, per la quale si è decisa una modifica del tracciato a inizio mese dopo l’intervento del Dipartimento Infrastrutture, Energia e Mobilità dei Grigioni (Svizzera), con la salita attraverso il leggendario Mortirolo anziché dall’Aprica.

Sara questo il destino anche per la tappa Castiglione-Desenzano?