Comune di Brescia, Fondazione Brescia Musei e Il Vittoriale degli Italiani hanno presentato nelle ultime ore la prima importante collaborazione che vede coinvolte due tra le istituzioni culturali più significative del territorio bresciano: la Fondazione Brescia Musei che gestisce e valorizza il patrimonio museale e culturale della città di Brescia e Il Vittoriale degli Italiani, la straordinaria casa museo eretta tra il 1921 e il 1938 per volontà di Gabriele d’Annunzio, sulle rive del Garda a Gardone Riviera.

Il progetto prevede una convenzione che riconosce l’accesso con una tariffa agevolata ai visitatori in possesso del biglietto d’ingresso delle rispettive sedi museali – per Brescia, Museo di Santa Giulia, Brixia. Parco archeologico di Brescia romana, Pinacoteca Tosio Martinengo, Museo del Risorgimento Leonessa d’Italia e Museo delle Armi Luigi Marzoli –, ma l’accordo pone le basi per una intesa con una prospettiva ben più ampia.
La collaborazione prende il via strategicamente nell’anno di Brescia Bergamo Capitale italiana della Cultura e stabilisce non solo un ponte e un collegamento forte tra la città e il Garda, un corridoio preferenziale per facilitare l’osmosi tra i numerosi turisti che, soprattutto quest’anno, stanno frequentando la città e, viceversa, che abitualmente animano le sponde bresciane del lago più grande d’Italia, ma anche una finestra di visibilità di ciascuna realtà oltre gli usuali confini a cui si è soliti guardare.

Un dialogo tra istituzioni autorevoli, il primo passo verso la costruzione di progetti virtuosi, volano di uno sviluppo del territorio all’insegna della cultura come motore principe capace di attivare leve e relazioni.

Ma sono molte le iniziative sviluppate in tal senso da Fondazione Brescia Musei nel 2023 e che permettono ai visitatori di scoprire a prezzo ridotto il patrimonio bresciano e i rispettivi capolavori nelle istituzioni aderenti: l’Accademia Carrara di Bergamo, Fondazione Palazzo Tè a Mantova e le sedi di Gallerie d’Italia a Milano, Torino, Vicenza e Napoli. Tutte le convenzioni speciali con le reti museali sono consultabili alla pagina dedicata.