“Il rapporto della Regione del Veneto con l’Associazione Nazionale Alpini si rafforza ulteriormente grazie a un protocollo d’intesa che vedrà l’A.N.A. protagonista di iniziative volte ad ampliare l’offerta formativa a favore delle istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado e delle scuole di formazione professionale del Veneto. L’obiettivo è quello di promuovere la conoscenza del territorio alpino e prealpino, con particolare riferimento agli aspetti legati alla tutela del territorio e alla divulgazione dell’unicità dei territori montani”.

Esprime soddisfazione il presidente del Veneto Luca Zaia nel presentare la firma di un protocollo d’intesa tra Regione Veneto, Associazione Nazionale Alpini e Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto che fino a tutto il 2024 prevedrà il coinvolgimento degli studenti delle Scuole superiori del Veneto in un ricco programma di iniziative nell’ambito della protezione civile, del volontariato, della tutela del territorio.

“L’A.N.A. – spiega Zaia – è espressione di valori importanti che possono arricchire la formazione e la crescita dei nostri ragazzi. Crediamo sia fondamentale contribuire alla diffusione e alla salvaguardia della cultura alpina, tutelare il territorio sia nelle fasi di prevenzione che in quelle di emergenza, rafforzare il legame solidaristico tra le componenti della società civile, promuovere il valore dell’attività di volontariato come espressione del senso di appartenenza alle peculiarità di un territorio. Per tutti questi motivi l’A.N.A. sarà protagonista della predisposizione di percorsi formativi e attività extrascolastiche, contribuendo all’ampliamento dell’offerta formativa”.

Il protocollo prevede un contributo regionale onnicomprensivo di 100 mila euro, diviso tra le due annualità. Per promuovere l’attuazione degli obiettivi sarà costituito un Comitato tecnico composto da un rappresentante della Regione, uno dell’U.S.R.V. e un altro dell’A.N.A. e potrà avvalersi di singoli esperti per la realizzazione dei progetti e delle iniziative.