L’On. Devis Dori, deputato della Camera di Europa Verde, facente parte del gruppo “Alleanza Verdi e Sinistra”, ha depositato durante la scorsa settimana un’interrogazione parlamentare, rivolta al Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, al Ministero della Salute e al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, riguardante un elettrodotto ad alta tensione che da anni attraversa aree abitate del territorio comunale di Castiglione delle Stiviere, tra le quali anche il noto quartiere popolare dei Cinque Continenti.

La portata di tale infrastruttura elettrica, il “Colà-Tavazzano”, gestito dalla società Terna-Rete Elettrica Nazionale, si attesterebbe sui 220mila volt, e potrebbe emettere, a detta degli studi citati dal Deputato stesso, un campo elettromagnetico tale da determinare una potenziale situazione di rischio sanitario per i residenti ad esso vicini, aumentando la possibilità d’insorgenza di tumori, in particolare modo tra bambini e neonati. Oltre a queste problematiche, gli abitanti stessi delle zone interessate dal passaggio dell’elettrodotto si sarebbero in più occasioni lamentati del fastidioso ronzio da questo emesso, presentando diverse petizioni nell’ultimo ventennio, tanto che nel 2019 l’amministrazione comunale elaborò un progetto, in collaborazione con Terna, volto a interrare i cavi, che non ebbe poi seguito per carenza di fondi.

Nella sua conclusione, l’interrogazione chiede appunto: “se il Ministro della Salute non ritenga opportuno, alla luce di quanto esposto in premessa, adoperarsi, per quanto di competenza e in accordo con gli enti locali interessati, affinché sia svolta una nuova e più approfondita indagine ambientale ed epidemiologica nella zona del Comune di Castiglione; quali iniziative il Ministro dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica e il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti intendano adottare, per quanto di competenza, per permettere la realizzazione del progetto di interramento dei cavi dell’alta tensione dell’elettrodotto”.