Non c'è pace per l'agricoltura del Nord Italia e in particolare dei territori limitrofi al Garda, che dopo la tremenda siccità presente ormai da oltre un anno sul territorio deve fare i conti oggi, 25 aprile, con un'eccezionale grandinata dal punto di vista di intensità e quantità.

Stamattina in veneto e oggi pomeriggio sul bacino benacense, si è infatti abbattuta una violenta tempesta di grandine caratterizzata da una grande quantità di chicchi non di grandi dimensioni, che hanno purtroppo avuto importanti ripercussioni sulle coltivazioni relative ai vigneti, alle piante da frutto, alle orticole, ai campi appena seminati, anche se per avere stime precise si dovrà attendere ancora qualche giorno.

Da diversi minuti stanno infatti circolando sui social network immagini richiamanti alle nevicate invernali che in breve tempo ricoprono strade, tetti e giardini, ma questa volta si tratta di veri e propri cumuli di ghiaccio rapidamente formatisi dalle aree verdi alle spiagge e lungo le strade, con qualche ripercussione (si parla di pochi minuti) anche sulla circolazione stradale.

Fenomeno che si è esaurito gia diversi minuti prima delle 16, e comunque si spera possa aver contribuito (anche se in minima parte) al riempimento del Garda, già pesantemente toccato dall'emergenza idrica.