Dopo l'annuncio delle ultime ore che ha svelato le intenzioni del Ministero e di Autovie Padane di rendere a pagamento la "Corda Molle", in quanto convertita a raccordo autostradale tramite un pedaggio previsto di circa 10 centesimi al chilometro, arrivano puntuali le reazioni dal territorio da chi è contrario all'iniziativa.

Dopo le critiche espresse dal sindaco di Travagliato Renato Pasinetti, il quale ha dichiarato "inaccettabile" la novità prevista per il prossimo giugno, sulla questione è intervenuto nelle ultime ore anche il primo cittadino di Montichiari Marco Togni, il quale ha affidato ai propri profili social il suo pensiero.

"La Corda Molle - come dichiarato dal sindaco Togni - non attraversa il territorio monteclarense, passando invece al suo confine ma sul territorio di Castenedolo. Non per questo sono esonerato a dichiarare l'introduzione di un pedaggio una vera follia soprattutto a distanza di anni dalla sua apertura. Montichiari lungo l'inadatta sp 236 è attraversato da migliaia e migliaia di auto e mezzi ogni giorno sia in direzione Brescia che in direzione Mantova e ci ritroviamo con lunghissime code".

E ancora: "La preoccupazione è la stessa espressa da Pasinetti (Sindaco di Travagliato) ovvero che le strade secondarie saranno invase dal traffico anche e soprattutto quello pesante. A Montichiari abbiamo un attività logistica molto sviluppata e io devo tutelare anche questi imprenditori. Mi affianco agli altri sindaci contrari a questa scelta."