Torma d'attualità la discussione relativa alla possibilità che la Corda Molle, strada di circa 30 chilometri che collega Montichiari a Concesio passando per una quindicina di comuni, venga convertita a strada soggetta a pedaggio da pare della società Autovia Padana.

La tematica è infatti tornata d'attualità a seguito dell'installazione di dodici sensori utili a registrare le vetture in entrata e in uscita, proprio a fronte della possibile imposizione di un pagamento, come emerso negli ultimi mesi, di circa 10 centesimi al chilometro per le auto e di 20-25 centesimi per i mezzi pesanti.

Una novità svelata in occasione dell'ultima seduta del Tavolo provinciale che ha visto anche la partecipazione dei sindaci di Travagliato, Renato Pasinetti, di Cazzago, Fabrizio Scuri, e di Montirone, Filippo Spagnoli. Sindaci del territorio che, ricordiamo, si erano opposti alla paventata conversione della strada in raccordo autostradale, compreso il sindaco di Montichiari Marco Togni.

Viste le numerose critiche giunte da amministratori locali e, ovviamente, automobilisti impegnati quotidianamente sul tratto stradale, era anche intervenuto il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti dichiarando che sicuramente non sarebbe scattata la modifica nei quattro mesi seguenti, specificando inoltre come ogni eventuale modifica alla gestione del tracciato sarebbe dovuta essere preventivamente definita con il concedente.