Si è riunita nei giorni scorsi l'Assemblea del Consorzio lago di Garda Lombardia, appuntamento che ha prestato attenzione a temi importanti come l'approvazione dei bilanci e progetti in corso, ma anche ne ha accolti di innovativi, come la presentazione della nuova Direttrice.

Promuovere il “buon turismo”, ha siglato l'impegno emerso più volte nel corso dell'Assemblea organizzata presso la sede di Gardone Riviera.

In un’area così variegata come quella del Benaco occidentale, il Consorzio riveste un ruolo importante accresciutosi nel corso dei suoi oltre 20 anni di vita: è il maggiore della regione della quale è il principale portavoce nel mondo ed uno fra i più importanti d'Italia, promuovendo ed associando istituzioni ed imprese, Comuni, enti, fondazioni culturali, consorzi di produzione, associazioni alberghiere e più operatori di quella vasta area che da Sirmione va a Limone e fino alla Valvestino.

Primo tema: i bilanci. Il presidente Marco Girardi, ex direttore storico della DMO, si è ritrovato a dover spiegare che “quello del 2023 è stato del tutto definito dalla precedente giunta e che la chiusura in perdita pari a 23mila euro, frutto della presidenza Ghidelli, costituisce una prima volta nella storia ventennale del consorzio; una perdita - ha specificato - che fortunatamente è stata assorbita grazie alle riserve accantonate negli anni precedenti fino alla giunta guidata da Luigi Alberti”.

L’assemblea ha accolto la notizia e si è deciso di andare oltre, di guardare avanti, al bilancio preventivo 2024 che, alla voce entrate, nonostante tutto, ha quote associative che restano invariate, pur considerando discrepanze per alcuni Comuni che andranno affrontate, ma anche una Ferrovie Nord Milano che contribuisce con 20mila euro per attività di co marketing ed il recupero da parte del presidente Girardi che da subito, dalla nomina dello scorso dicembre, si è attivato, di sponsor e partnership che possano aiutare il bilancio.

Daiana Cominotti scelta come nuova direttrice del Consorzio

Al secondo punto, è giunta la riorganizzazione interna. Occasione per presentare la nuova direttrice, la prima donna a guida nella sua storia di Garda Lombardia: individuata nella persona di Daiana Cominotti, di origine trentina, e che, laureata in Economia a indirizzo marketing turistico e da tempo inserita in contesti turistici, vanta un’esperienza su più fronti nel mondo dei consorzi.

“La dott.ssa Cominotti – ha dettagliato Girardi - da qualche mese collabora con il nostro ente per la promozione turistica ed ha dimostrato competenze ed attitudini necessarie per l’organizzazione del lavoro dei nostri uffici, con la gestione del personale, la pianificazione delle attività e supporto tecnico a presidente e giunta”.

Le linee guida per il prossimo futuro

Si è passati alle linee guida dei prossimi mesi. Sostenere il turismo responsabile (il turismo svolge un ruolo fondamentale nell'economia, ma deve garantire sostenibilità a lungo termine, quindi il Consorzio offre supporto agli operatori per sviluppare offerte che rispettino ambiente e cultura ed esperienze autentiche per visitatori e comunità); conservare il patrimonio culturale (oltre alla bellezze naturali, il Garda ha storia e tradizioni: il Consorzio si impegna a valorizzare un ricco patrimonio che comprende antichi borghi, siti archeologici, chiese secolari e tradizioni culinarie); promuovere la collaborazione e la partecipazione (il successo dipende dalla partecipazione attiva di tutte le parti, comunità, imprese, istituzioni ed enti no-profit, quindi il Consorzio facilita la cooperazione tra loro, promuovendo le migliori pratiche e l'innovazione).

Si è passati alle azioni messe in campo. Nonostante il budget limitato rimasto, il Consorzio ha per il 2024 un calendario di iniziative strategiche per rafforzare il brand “Garda”.

“Fare rete – ha esordito la direttrice Cominotti - diventa il punto di forza della presidenza Girardi che è partita con il piede giusto, collaborando con tutti gli enti che si occupano di turismo come attività primaria o di riflesso”.

E tra le attività ha elencato “la realizzazione di materiale promozionale anche cartaceo perché sempre richiesto, da distribuire in fiere, punti di informazione e strutture ricettive, di mappe per bike, trekking ed eventi, di una innovativa “Guida dei comuni” che riporti alle varie pagine web turistiche”. “Il Consorzio - ha proseguito - ha ripreso a partecipare massicciamente a workshop, fiere ed eventi anche organizzati da partner e soci”. Tra i vari, il Salon des vacances a Bruxelles, il mondiale del turismo a Parigi e la Bit di Milano, ai quali si aggiungono il Ferien messe a Vienna, la Fiera cicloturismo di Bologna, il Roadshow USA a New York e Miami, la Borsa internazionale dei laghi a Cernobbio, attivati o costruiti da partner, quali Regione Lombardia, Visit Brescia, Garda Unico e la Comunità del Garda.

“Imminenti - ha dettagliato - sono più progetti realizzati con i suoi soci e sul territorio, da “Opening season party” in programma a Limone il 15 marzo, a “Il lago che vorrei” portato avanti con l’Its Machina Lonati di Brescia, che dedicato al turismo culturale ed esperienziale a breve verrà presentato, per proseguire con uno di promozione territoriale a Mantova ad una sempre più crescente attenzione alla comunicazione, con piani editoriali strategici atti a promuovere efficacemente la destinazione turistica Garda Lombardia, con l’incremento esponenziale dell'utilizzo professionale dei canali social, di rapporti minuziosi con i media, di press tour studiati in sinergia con il territorio, senza dimenticare di proseguire nel progetto “Garda Experience” che mette in contatto diretto gli ospiti con le attività del lago”. Per creare connessioni autentiche e significative con i luoghi e le persone e lasciare ai viaggiatori ricordi ed emozioni.