è andato in scena questa mattina presso la Dogana Veneta di Lazise l’incontro pubblico dedicato ai nuovo cantieri per il Collettore nel Basso Garda.

Alla presentazione pubblica, pensata per operatori economici, albergatori, gestori dei campeggi e stakeholder del territorio, hanno partecipato il presidente di AGS Angelo Cresco con il direttore generale Carlo Alberto Voi, il direttore di ATO Veronese Luciano Franchini, il sindaco di Lazise Luca Sebastiano e il sindaco di Castelnuovo, e presidente di ATS Garda Ambiente, Giovanni Dal Cero.

"Il nuovo collettore è centrale per il futuro della comunità del Garda – spiega Angelo Cresco, presidente di AGS -. E portare avanti questi lavori significa mettere al centro la nostra economia e la salute del Lago. Oggi la priorità è procedere in fretta, sfruttando anche le possibilità e le risorse del Pnrr, non solo per difendere l’ambiente e l’ecosistema del Garda ma anche quell’economia di sviluppo che inciderà sulle future generazioni".

Azienda Gardesana Servizi procede secondo il programma prefissato con la costruzione dell’infrastruttura di collettamento, con un duplice intervento a nord e a sud dell’attuale cantiere già attivo tra Villa Bagatta e località Ronchi.

Un’area del parcheggio Marra a Lazise è riservata allo stoccaggio dei materiali e delle tubazioni. I due stralci, che hanno una lunghezza complessiva di circa 5 km, andranno da località Pergolana a Villa Bagatta nel Comune di Lazise, a nord del cantiere oggi attivo, e da Ronchi a località Pioppi, in Comune di Castelnuovo del Garda, a sud. Come per gli altri stralci, i lavori saranno sospesi durante la stagione turistica per riprendere in autunno e avranno una durata complessiva di 455 giorni.

"Con questo terzo lotto funzionale interverremo a Lazise e Castelnuovo, dove poseremo condotte in vetroresina sia a gravità che a pressione – afferma Carlo Alberto Voi, direttore di AGS -. I lavori si concluderanno entro i primi mesi del 2024, quindi tra un anno, ma avremo particolare attenzione per la stagione turistica. Tutti i cantieri verranno interrotti da Pasqua fino ad ottobre. Ed entro l’anno appalteremo un quarto lotto di lavori, quello che va dal confine con Sirmione al depuratore di Peschiera del Garda".

Ad aggiudicarsi la gara per la realizzazione di questo tratto di collettore è il Consorzio Stabile Europeo di San Martino Buon Albergo per un importo complessivo dei lavori superiore a 7,3 milioni di euro. Il Consorzio stesso ha incaricato le imprese Ritonnaro Costruzioni Srl e Parolini Giannantonio Spa dell’esecuzione di questo tratto di collettore.