Nella giornata di ieri, mercoledì 20 dicembre, il lonatese Ettore Prandini è stato confermato all’unanimità, dall’assemblea dei delegati riuniti presso palazzo Rospigliosi a Roma, in rappresentanza di circa un milione e mezzo di soci, Presidente nazionale di Coldiretti.

Insieme all’elezione della carica di vertice, sono contestualmente stati nominati i componenti della nuova Giunta confederale, composta dai tre vicepresidenti Nicola Bertinelli, David Granieri e Gennarino Masiello, nonché da Franco Aceto, Gianluca Barbacovi, Cristina Brizzolari, Dominga Cotarella e Francesco Ferreri. Oltre al mandato appena concluso, Ettore Prandini ha in passato guidato anche Coldiretti Brescia e Coldiretti Lombardia, mentre al momento ricopre anche le cariche di presidente nazionale di Uecoop, della Fondazione Campagna Amica e dell’Osservatorio sulla criminalità nell’Agricoltura e sul sistema agroalimentare.

Il Presidente Ettore Prandini ha così commentato a margine dei lavori assembleari: “Abbiamo un grande lavoro da fare insieme su tanti importanti temi che riguardano la tutela e la valorizzazione dell’agricoltura e dell’agroalimentare italiano, con l’obiettivo di sostenere la competitività delle imprese e difendere i consumatori. Abbiamo delineato oggi durante l’Assemblea quelli che saranno gli obiettivi futuri. La sfida sarà quella di far crescere il valore economico delle nostre imprese puntando all’internazionalizzazione. L’obiettivo infatti è quello di arrivare nei prossimi 4 anni a 100miliardi di valore di export. Per farlo dobbiamo investire in infrastrutture, innovazione e valorizzazione dei contratti di filiera. Massimo impegno da parte mia nel continuare e lavorare insieme per essere concreti e vicini ai bisogni dei nostri imprenditori”.