Recentemente è stato emesso da Regione Lombardia un bollettino ufficiale che tratta della nuova iniezione di fondi effettuata in favore dei centri antiviolenza facenti parte delle reti presenti in ciascuna provincia lombarda.

Le 27 strutture, distribuite su tutto il territorio lombardo, riceveranno complessivamente poco più di un milione di euro, somma che va ad aggiungersi a quanto già stanziato con il provvedimento approvato lo scorso lunedì 3 luglio, ammontante a 10 milioni di euro. L’investimento complessivo metterà quindi nelle casse dei centri antiviolenza e delle case rifugio, che accolgono donne con figli minorenni, 11 milioni di euro volti a garantire copertura finanziaria per gli interventi in corso, oltre a mettere al sicuro quelli del prossimo biennio, tra il 2024 e il 2025. Ai centri della provincia di Brescia è stata dunque accordata una cifra pari a poco più di 170mila euro, di cui oltre 40mila destinati al centro antiviolenza di Desenzano del Garda, mentre la più piccola provincia di Mantova avrà a disposizione 45mila euro per la propria rete, presente anche nell’Alto mantovano.

Elena Lucchini, Assessore Regionale alla Famiglia, alla Solidarietà sociale, alla Disabilità e alle Pari opportunità, ha commentato:”Il Programma regionale di sviluppo di questa legislatura ha tra gli obiettivi strategici proprio la prevenzione e il contrasto della violenza di genere. La nostra azione quotidiana è infatti indirizzata a garantire risorse adeguate, supportare buone pratiche e innovare la rete di sostegno alle donne vittime di violenza”.