Negli ultimi giorni sono emerse delle novità riguardo al progetto d’interramento dell’elettrodotto Colà Tavazzano, l’infrastruttura energetica che passa sopra i tetti di numerosi immobili all’interno dell’abitato di Castiglione delle Stiviere, tra cui anche dei palazzi, causando una certa preoccupazione e fastidio nei cittadini residenti nelle vicinanze di questo.

A quanto pare il progetto non sarebbe sparito e nemmeno si sarebbe interrotto, come era stato dichiarato dal comitato dei cittadini che si battono per l’interramento, ma sarebbero in corso interlocuzioni e contatti regolari tra gli enti interessati. In merito si sarebbe recentemente espressa anche la Consigliera regionale Alessandra Cappellari, la quale starebbe seguendo la vicenda da vicino, affermando come l’Amministrazione comunale di Castiglione delle Stiviere avrebbe già incontrato l’assessore regionale competente, rappresentando le esigenze del territorio e impegnandosi per reperire le risorse economiche necessarie inserire il progetto all’interno della lista delle priorità di Terna.

Il progetto d’interramento dell’elettrodotto Colà Tavazzano ha avuto inizio alcuni anni fa, quando l’Amministrazione comunale di Castiglione delle Stiviere decise di spostare i cavi sospesi nel sottosuolo, una questione già al tempo molto cara signora cittadini, trascinatasi fino a oggi. Il nodo più difficile da sciogliere sarebbe quello delle risorse economiche necessarie all’opera pubblica, ammontanti a circa cinque milioni di euro. Alcune settimane fa il Consigliere regionale Marco Carra aveva proposto in sede di assemblea di stanziare la metà dei fondi necessari, istanza questa che non ha però avuto riscontro. L’elettrodotto rappresenta un rischio per molti residenti, oltre a emettere continuamente un fastidioso ronzio.