L’incidente occorso alcuni giorni fa a Castiglione delle Stiviere, presso il plateatico del Caffè Sport in piazza Ugo Dallò, ha avuto nella mattinata di ieri, mercoledì 17 gennaio, il suo tragico epilogo con la morte di Giacomo Sandrini, l’uomo finito in condizioni critiche dopo essere caduto in una bocca di lupo.

I traumi riportati nell’impatto, in particolare alla testa, non hanno lasciato scampo al 49enne, spirato dopo alcuni giorni di ricovero presso l’ospedale di Borgo Trento, a Verona. L’uomo, di cui in paese era noto il grande spirito altruistico, era intento ad aiutare la barista a pulire la bocca di lupo quando, dopo aver rimosso la grata, forse mettendo un piede in fallo, è cascato dentro per 4 metri, riportando molteplici fratture in tutto il corpo, oltre a un grave trauma cranico. Sandrini è rimasto ricoverato per una settimana in terapia intensiva, in condizioni critiche, fino al sopraggiungere della morte. La famiglia ha dunque optato per la donazione degli organi. Il 49 enne, celibe e senza figli, era sconosciuto a Castiglione delle Stiviere per il suo impegno nel sociale, e si trovava alla ricerca di un lavoro fisso, eseguendo nel frattempo lavori saltuari e interventi di manutenzione.