Nel corso dell’ultima seduta del Consiglio Comunale di Bedizzole, il Comandante della Polizia Locale intercomunale di Bedizzole e Calcinato, Andrea Stefano Agnini, insieme all’Assessore Giuseppe Berthoud, ha illustrato il nuovo regolamento di polizia urbana.

Lo strumento giuridico approvato dai Consiglieri comunali è stato studiato dai tecnici per aiutare la Polizia Locale e i Carabinieri stazionati a Bedizzole a garantire un servizio di sicurezza di maggiore qualità ed efficienza, anche in relazione alle richieste arrivate dei medesimi cittadini bedizzolesi. Non è mancato un momento di accesa polemica, in particolare per quanto riguarda gli articoli sul meretricio, con il dibattito culminato nell’uscita dall’aula da parte di uno dei gruppi di minoranza. Il nuovo regolamento, unificato finalmente a quello del Comune di Calcinato, con cui sono stati fusi alcuni anni fa i servizi di sicurezza, ha tra le sue novità principali l’introduzione del provvedimento del daspo urbano, una misura volta ad allontanare dal territorio comunale chi svolge accattonaggio o ubriachezza molesta, i parcheggiatori abusivi e chi impedisce la fruibilità di alcuni luoghi al pubblico. Il daspo viene trasmesso al Questore dopo l’emanazione da parte del Comune, il quale può di fatto espellere dal territorio comunale per un periodo che spazia tra i due mesi e i due anni.