L’ASST Garda apre le porte ai cittadini ucraini, in fuga dalla guerra, in possesso di qualifica professionale interessati a lavorare come medici, operatori sanitari e sociosanitari all’interno dei presidi ospedalieri dell’azienda. E’ stato pubblicato il bando di concorso che conferirà incarichi di collaborazione coordinata e continuativa con validità fino al 4 marzo 2023.

"Un segno concreto di vicinanza alla popolazione ucraina - commenta Il Direttore Generale dell’ASST Garda - e contemporaneamente un riconoscimento professionale di cittadini stranieri che tramite la loro professionalità potranno essere d’aiuto all’interno della sanità territoriale. Un modo per rinforzare gli organici e garantire tutte le prestazioni sanitarie”.

Per rispondere all’avviso i candidati devono essere cittadini ucraini con residenza in Ucraina prima del 24 febbraio 2022, devono essere in possesso di qualifica professionale conseguita all’estero regolata dalle direttive dell’Unione Europea. E’ necessaria la conoscenza della lingua italiana o della lingua inglese e in possesso di un passaporto europeo per rifugiati.