Si chiama Sail&Ski Garda Dolomiti ed è una novità assoluta per l’universo J/70: un modo alternativo per celebrare il passaggio dall’attività agonistica invernale a quella estiva e preparare il debutto nella J/70 Cup.

A promuoverla J/70 Italian Class e Fraglia Vela Riva, realtà di riferimento nel mondo della vela, unitamente alle aziende per il turismo Garda Trentino e Madonna di Campiglio, due territori unici per biodiversità e apprezzati a livello internazionale per la valenza turistica.

In programma tra il 14 e il 17 marzo tra Riva del Garda e Madonna di Campiglio, impegnerà gli equipaggi sulle diverse forme dell’acqua: venerdi e domenica si svolgeranno fino a sei prove tra le boe del circolo velico Fraglia Vela Riva, mentre sabato l’appuntamento sarà al Rifugio Patascoss di Madonna di Campiglio dove verranno assegnate le pettorine utili a prendere parte alla gara di sci che, prevista su due manche, si svolgerà sulla FIS 3Tre, una delle piste più celebri del Circo Bianco, sarà aperta a tutti i velisti e sarà resa unica dalla partecipazione di alcuni grandi nomi dello sci.

I risultati delle regate del venerdi si uniranno a quelli della gara di sci, dando vita a una classifica combinata che incoronerà il vincitore della prima edizione della Sail&Ski Garda Dolomiti e i singoli vincitori della prova di sci. La domenica, invece, si scoprirà la classifica finale della serie di regate.

Rifiugio Patagoss Madonna di Campiglio

“Il clima mediterraneo tipico del Garda Trentino, un vero e proprio ‘mare dolce delle alpi’ adatto alla pratica dei più disparati sport acquatici, e le suggestive cime delle Dolomiti di Brenta, famose per l’alta qualità e la varietà delle piste da sci: si tratta di due destinazioni all’apparenza agli antipodi, ma che in verità si rivolgono a target molto simili e che possono dare origine a collaborazioni coerenti e sorprendenti - ha dichiarato il presidente di Garda Trentino, Silvio Rigatti -. È questo sicuramente il caso dell’evento Sail&Ski Garda Dolomiti, che vede il nostro territorio associato all’ambito turistico Madonna di Campiglio per una tre giorni di vela e sci che si preannuncia già epica. Un sentito ringraziamento agli organizzatori per rendere possibile questa nuova iniziativa, che sono sicuro diventerà un appuntamento fisso nel calendario primaverile dei prossimi anni, e in bocca al lupo a tutti i partecipanti!”.

“Il Garda e le Dolomiti di Brenta, con il lago che a marzo assapora già il clima mite della primavera mentre Madonna di Campiglio è ancora immersa nell’atmosfera invernale, si uniscono per la Sail&Ski Gada Dolomiti, un evento che celebra due straordinari territori ricchi di biodiversità e con una riconosciuta valenza turistica internazionale - ha commentato Tullio Serafini, presidente dell’Azienda per il Turismo di Madonna di Campiglio -. La collaborazione tra le aziende turistiche Garda Dolomiti e Madonna di Campiglio, in passato già sperimentata in occasione di alcuni progetti e iniziative, è confermata quindi anche nel 2024 a partire proprio dalla Sail&Ski Garda Trentino, un esempio della capacità di fare sistema tra destinazioni per presentarsi con un’offerta turistica dal valore aggiunto, sia a pubblici consolidati che nuovi. Abbinare la vela allo sci, collegando i due prodotti turistici più rappresentativi delle due destinazioni, è un’assoluta novità che celebra lago e montagna mettendo attraverso due sport molto amati”.

“Come J/70 Italian Class siamo orgogliosi di aver unito realtà così importanti per dar vita a una novità assoluta per l’universo J/70: la Sail&Ski Garda Dolomiti si propone come un modo originale per salutare i freddi climi invernali, fare comunità e preparare l’imminente inizio della stagione agonistica che, quest’anno, impegnerà quasi subito i team nel J/70 European Championship di Cala Galera - spiega Federico Siragna, presidente di J/70 Italian Class -. Le due giornate di regate, organizzate dalla Fraglia Vela Riva, saranno senza dubbio molto competitive mentre il sabato avremo modo di testare le capacità dei velisti in un contesto agonistico diverso dal solito e vedremo se la combinata vela/sci confermerà i valori tipici della flotta o se l’impegno tra i paletti darà modo di emergere a team diversi”.

“Ospitare la classe J/70 già nelle fasi iniziali dell’anno è un buon modo per verificare lo stato dell’arte della nostra macchina organizzativa alla vigilia di una stagione che, per la Fraglia Vela Riva, si annuncia ricca di sfide significative. Essere tra i fautori di questa bellissima iniziativa, che unisce due sport e due territori così diversi, è per noi sicuro motivo di orgoglio” ha commentato infine Andrea Camin, presidente della Fraglia Vela Riva.