L’Apt Garda Dolomiti e i Comuni di Riva del Garda e Arco (prevalenti per presenze turistiche) hanno presentato nella giornata di ieri, venerdì 18 agosto, le cifre dei primi sette mesi del 2023.

A dispetto della diminuita capacità di spesa e del minore flusso del turismo di giornata, l’Alto Garda conferma il suo appeal sui visitatori di lingua tedesca incrementando intanto i flussi da nuovi mercati quali Est Europa, UK, Stati Uniti e paesi arabi.

L’incontro con la stampa, voluto per fare il quadro delle presenze turistiche sul territorio, si è svolto nella sede dell’Apt Garda Dolomiti a Riva del Garda: presenti la sindaca di Riva Cristina Santi, l'assessore allo sport e turismo di Arco Dario Ioppi, il presidente e il direttore dell’Apt, Silvio Rigatti e Oskar Schwazer, il presidente Confcommercio Alto Garda e Ledro Claudio Miorelli e il presidente dell’Associazione ristoratori Alto Garda e Ledro Paolo Turrini.

Il presidente Silvio Rigatti ha introdotto l’analisi con alcuni riferimenti a fattori esterni che stanno influendo sugli esiti della stagione (la Pentecoste a maggio, l’aumento del 63% delle precipitazioni) che tuttavia non hanno spostato il quadro di un 2023 che nei primi sette mesi ha posto basi importanti anche grazie agli ottimi dati registrati da gennaio a maggio. “Sarebbe fuori luogo parlare di crisi -ha spiegato il presidente Rigatti- mentre è sicuramente in atto un cambiamento profondo del turismo che sta a noi analizzare e valutare con grande attenzione”.

Considerando l’andamento non positivo del turismo in molte destinazioni turistiche internazionali, il quadro che emerge dal 2023 del Garda trentino è sicuramente incoraggiante: le presenze fin qui accumulate (2.240.000) lasciano presagire un’annata in linea con il 2022, “anche se emerge in modo chiaro -ha commentato il direttore Oskar Schwazer- che la forbice sociale si sta allargando e che dunque sarà importante fare scelte oculate tra ‘best experience’ e ‘best value’, valutando bene quello che il mercato chiede”. Un mercato che nel frattempo cambia, pur mantenendo una chiara supremazia dei visitatori di lingua tedesca, con la crescita del numero dei turisti dall’Est Europa, dal Regno Unito, dagli Stati Uniti e dai paesi arabi.

Analisi dei dati
“Siamo e rimaniamo una realtà che rappresenta un modello preso a riferimento da molti -ha osservato Cristina Santi, sindaca di Riva del Garda- ma dobbiamo continuare a impegnarci monitorando le dinamiche del nostro turismo, a cominciare dagli alloggi turistici sui quali intensificheremo i controlli per migliorare sempre di più la qualità”.

Ci sono per contro comparti, come la ristorazione e il commercio, che hanno risentito di una flessione, anche per una qualche diminuzione del turismo di giornata, “ma è anche vero che il 2022 era stato un anno eccezionale, dunque ogni allarmismo sarebbe infondato -ha fatto notare Claudio Miorelli, presidente Confcommercio- guai a parlare di crisi. Si tratta soprattutto di interpretare un mercato che cambia e una tipologia diversa di turismo”.

“La capacità di spesa di una certa clientela è sicuramente diminuita -ha aggiunto Paolo Turrini, presidente dei ristoratori- e lo vediamo anche nella ristorazione, ma alla fine i dati parlano di una situazione certamente non preoccupante”.

A margine dell’incontro alcune puntualizzazioni di carattere strategico, “Garda Dolomiti è la nostra ragione sociale, sbaglia chi la confonde con il nostro brand che è e resta Garda trentino. La nostra Apt non ha mire espansionistiche, abbiamo solo recepito le istanze di alcuni territori che accomunandosi al Garda trentino hanno tratto e portato beneficio alla nostra azienda”, hanno concluso i vertici dell’Apt.

Fonte: Apt Garda Dolomiti
Foto: Dennis Pasini/Vitesse